Versi di Mons. Giulio Gabanelli (già Parroco di Zogno)

Turna, Pacì, Paciàna !

Turna, Pacì Paciàna ! La zèt l’è sèmper chèla e ‘l’pùt l’è sèmper lè,
i càmbia ‘n po’ i dìvise ma ‘l Brèmp no l’ tùrna ‘ndrè !

I vèsse è sèmper chèi e i làder i comànda, ma chi legalizàcc o mèi de professiù,
che i spara de gran bale de stüpecc e spacù !

Intat i fà carièra a spèse de chi paga i tasse per i dèbecc e per finì ‘n galèra!

Ma piö gna ‘l Padretèrno l’ sè fiderès a nàs compàgn de l’òtra òlta
in chèsto nòst paìs perchè i lo sbranerès insèm co la treìs !

L’è sèmper chèla màfia dei fürbi e dei balòs, 
che co la cùa de pàia la mèt töt quànt a pòst !

Pò i dìss che l’è la lège che la decìde iscè;
ma lùr i è sèmper chèi che i fà, che i vùlta e i pìrla la lège co la zèt !

Pò i te denüncia ‘nfì per mètet a tasì !
Ma töce i scüse è bùne per tègnet incastràt !

Tùrna, Pacì Paciàna, a fà ‘l castìga màcc,
tùrna ‘nde Vàl Brembàna perchè m’ sè disperàcc !!


 

L’origine della Luce

La lüs a lè nassìda al tèp dei tèp in cèl, intàt che al Padretèrno a
gh’ìa scapàt in fàl la prima ögiàda ‘n giro per mètes a creàl !

La lüs a l’ia selvàdega e dispetúsa insèm, la sìa metìda sübet a
fà balà la lüna col súl e i stèle ‘n cèl compàgn d’ü mülinèl !

L’ìa trasfurmàt ol mònt con töt ol sò calùr in d’öna gran furnàs
per inventà i culùr de pitürà zò’l cèl con töt ol sò splendùr !

A gh’è ülìt del tèp perchè la se calmès e la troès la pàs
in fì a’ de’nnamuràs e de fà crès i fiùr con töcc i sò culùr !

La lüs la s’è cambiàda in cèl come öna fàta che’impìa e smòrza zò
ol sul come ü falò, de nöcc, la lüna e i stèle coi dìcc facc a fiamèle !

La lüs lè töta amùr, la te dà èta e fiàt e òia a’ de campà, la te fà
sèmper fèsta perchè l’è’nnamuràda de töcc ì’nnamuràcc !

La lüs l’è sèmper bèla in cèl e sö la tèra e quando la sberlüs
la dìs “sò mè l’amùr che scòlda töcc i nì e che fà crès i fiùr ! “

La lüs l’è verità, ghe scàpa gna ü pensèr col bè e col màl che
s’fà la ghe fà ciàr a töcc de dèt e fò de cà per chi la öl dovrà !

La lüs l’è sèmper giöstra a’sè la par sbagliàda a chi ghe ulta i spale
perchè la ghe fà ombra e i sèra i öcc per vèt apèna chèl che i crèt !

La lüs la fà pensà a Chèl che l’à ‘nventàda perchè l’è apèna Lü che
l’pöl amò smorsàla isce’ come là fàcc ai tèp che l’l’à mpiàda !

Ma quando ‘l Creatùr l’ismorserà sta lüs, la sarà prònta l’òtra, piö
bèla e amò piö fòrta, chèla che l’à decìs de dàm in paradìs !


 

Ol pòer Bignòca

L’ ìa pròpe töt pelàt e ‘n sìma a la pèlada
a l’ghìa öna bignòca compàgn d’öna patàta !

L’ ìa ròssa e bèla löstra come ü pomdòr madür
che ‘n sìma a chèla cràpa l’ìa ‘l fugàa come ü stissù !

Però l’ìa sènsa gòs e sènsa ü pèl de bàrba
compàgn del cül d’ü fiàsch o d’öna damigiàna !

Lìa bù de cöntà bàle e brào de fàtei crèt
a notèr pòer bambòs perchè m’ sìa amò de s-cècc !

Gh’ìa apèna lòch e àsegn a sgulà ‘n gir de nòcc
e strèe de töce i ràsse a balà ‘nsèm col fòsch !

A m’ghe credìa del bù perchè l’ìa ü pateròt
e ‘n cèsa l’fàa bricòle insèma col preòst !

A me l’ciamàa Bignòca ma sènsa fas sentì
perchè se l’sospetàa a l’tè la fàa cressì !

A füria de pensàga a chèla sò bignòca
la ghe parìa piö grànda de l’òtra sò bicòca !

E ‘n fì l’credìa de ìga du söche de dovrà
öna fò sùra l’òtra de tègn bè registràt !

Iscè a l’sè malàt de ràbia e de passiù
perchè coi sò dù cràpe l’ìa ‘ndàcc fò de resù !

Dopo ü bel dè l’è mòrt, e nòter s-cècc curiùs
a m’sè curìcc a èdel slongàt zò ‘n mès ai fiùr !

Co la bignòca ròssa fò ‘n sìma la pèlada
e col pierù per ària fughèt come öna bràsa !

Ma nòter m’ìa capìt che l’ìa mia mòrt del töt
perchè col sò camì l’ìa drè amò a fà föch !

In tèp del föneral l’à sentìt pròpe töt
ma sènsa riàga a dì “ardè, che sò amò ìf !”

Ma chi portàa la càssa i à tràcc öna biösgàda
e dopo ü cülmartèl ol mòrt a l’s’è fàcc sènt !

“L’àssèm turnà a cà amò coi mè du gàmbe
che àdès mè sò contènt de tègn i mè dù cràpe !”

La s’è stremida assè la zèt del föneràl
a èt chèl mòrt in pè sènsa püdì sotràl !

Ol pòer Bignòca ‘n fì a l’è scapàt assè
de fà passà la pùra de mör per turna ‘ndrè !

Al mont mè stàga iscè come te bùrlet dèt
perchè se s’völ cambià gh’è apèna de crepà !


 

La Édoa Alegra

Quando l’ crèpa ‘l sò pòer tòne a l’è pròpe öna tragèdia per la 
vèdova tailàda, come s’dìs, per ès alègra che la spàra töcc i cùlp 
in trì dè del föneral èper sera töt in de càssa ol passàt col bè e col màl !

A l’è iscè la vedovèla quando l’òm a l’va sottèra:
prim de töt la se fà bèla per piasì quando la pìans a chi còr a 
cunsulàla perchè i pöde pò ‘ncantàs con piassèr a rimiràla !

Piè de vèta e de vigùr lü pòer tòne a l’è crepàt 
per mantègnela de sciùra coi sò vèsse e i sò pecàcc !

Lè, piö stràssa e piö patida, la gatìna delicàda
co la fiàca e la muìna a l’è stàcia risparmiàda !

Gna finìt ol föneràl o comèdia del dulùr
la comènsa ‘l carneàl cortegiàda dai murùs !

Ma mìa töce i vedovèle a i se mèt in condissiù
de zuntàga töt ol crèdet e ne rèsta de eccessiù !

Ma i piö tànce a i preferès de restà de vedovèle per gudìs
la sò pensiù e pudì ‘ntat cunsulàs coi barbù e malmaridàcc !


 

Ol mònt l’istà ‘n pè a bale

Chi i a ‘nvènta e chi i a ènt, basta crèdei per la bèl !

Mè dovrài a fà bordèl perche’ l’òm l’è semper chèl 
piè de bàle de ‘nventà che i völ töcc de fà balà !

Töt al mònt a l’fà straèt coi sò bàle de fà crèt !
Se gh’è dèbecc de pagà, quàter bàle a i pöl indà !

Quando s’nàs e quando s’mör gh’è i sò bàle de fà töt !
Per spusàs a gh’è chi bèle che ghe piàs per i pötèle !

Ma i famèe de tègn insèm con le bàle i và a rödel !
Töt ol crèdet de la zèt sö du bàle l’istà ‘n pè !

Ma la zèt mè contentàla co de bàle per sfrötàla !
L’è öna fàbrica che rènt perchè töcc i völ ispènt !

Perchè i bràe se i è tròp bù a i deènta boiassù !
E chi òter iscè-scè a i è bù se ghe convè !

Ma i völ töcc la èrità se i è bàle de gratà !
Perchè ‘l mònt l’è fàcc iscè, coi sò bàle l’istà ‘n pè !

Fin che ü dè l’is-cioperà e i sò bàle a i finirà !


 

Ol Brèmp

“Ol Brèmp” l’è ‘l fiöm, la vàl, la zèt,l’è töt chèl 
che s’pöl dì con d’öna sul paròla sö töt  ol nòst paìs !

Töcc i pàìs che l’tòca i porta ol sò cògnom perchè l’è pròpe
 ‘l pader che i l’à ‘ncrusàcc insèm al tèp de la sò föria quando da prepotènt
tra i mùcc e la pianüra ‘l sè svergulàa a in gìro decìs come ü serpènt !

Adès in sèrti pòscc l’è apèna ü pissaròt che l’te ‘ncànta
‘ntùren a fà razzà i ranòcc !

Ma se per caso l’tùrna amò de bùna lèna, a l’part al tròt,
de còrsa, e piö nigü i lo frèna.

Quando l’curia col trèno come se l’gh’ies i urare pròpe coi sò stassiù
l’indàa piö fort piö lènt, sènsa scoldà ‘l mutùr.

Ma adès che sto govèrno, fòrse per modernàs, l’à majàt fò pò a’ l trèno 
l’à decidìt de fàs, a’ lü, coi pensiunàcc che i par ü füneràl quando gh’è poca 
zèt e töcc i sìrca almèno dè fà bordèl coi prècc !

Se o rìa pò i pescadùr, de sòlet forestèr, che i pènsa de pescà
e i càla zó i sò rècc: da töce i sculadüre i rìa come nedròcc
öna clossàda ‘ntrèga dè stràs e scatulòcc !

Gh’è piö gna ü cà de sügo che s’tròes sö stò torènt 
gna ch’a pissàga dèt per fàga ü complimènt !

Forse gh’è la speransa che l’ cambie ol ritornèl 
e l’ tùrne ‘ndrè col treno ol Brèmp col sò tèp bèl;
e l’tùrne amò a stimàs, ol Brèmp, che slarga i bras per dàga a töcc la pas !
 


I FACCHINI DELLA COMPAGNIADELLA CARAVANA TRA GENOVA E BERGAMO

I FACCHINI DELLA COMPAGNIADELLA CARAVANA TRA GENOVA E BERGAMO

Rel. Invernizzi. Prof. Nazarina-insegnante

Conferenza Associazione Priula 2010-2011

“Essi non hanno se non ciò che guadagnano con il loro sudore e con il loro guadagno si aiutano”.

 

La “fedelissima et antica compagnia della Caravana” di Genova

 

Quando nei documenti di archivio abbiamo incontrato per la prima volta la Società della Caravana della Dogana di Mare di Genova, avevamo le conoscenze che più o meno hanno tutti a Bergamo:

  • gli uomini della Valle Brembana erano facchini a Genova,
  • portavano le loro mogli a partorire nella bergamasca per poter lasciare il posto ai figli.

In realtà il fenomeno era molto più complesso e sfaccettato come abbiamo potuto verificare approfondendo lo studio dei documenti e la letteratura sull’argomento.

 

Nella tarda primavera del 1340, precisamente il pomeriggio di domenica 11 giugno, festa di San Barnaba, nella cattedrale di San Lorenzo vengono solennemente presentati al popolo e alle autorità di Genova gli Statuti della Confraternita della Carità di Santa Maria del Carmine formata solo da coloro che lavoravano nell’area cintata della dogana di mare.

La Caravana, infatti, non raccoglieva tutti i facchini bergamaschi che lavoravano a Genova, ma solo quei pochi che prestavano la loro opera ai moli dove attraccavano le navi con le merci sottoposte ai dazi di dogana. Si trattava di un gruppo ristretto di uomini il cui numero oscillò tra le trenta e le quaranta unità fino al Seicento, per aumentare progressivamente con lo sviluppo del traffico nel porto.

Essi in origine non provenivano solo dal territorio di Bergamo: nei primi decenni del Quattrocento, infatti, un terzo di loro era originario della zona di Rigosa, un terzo era di Brembilla, un terzo era costituito da uomini del lago Maggiore.

Poiché ogni ingresso di un nuovo caravana poteva avvenire solo se i due terzi dei soci era d’accordo, è facile capire come in poco tempo e inesorabilmente i bergamaschi abbiano estromesso gli altri e abbiano bloccato l’accesso al lavoro in dogana riservandolo ai membri di alcuni clan familiari, soprattutto Grigis, Ruggeri, Pesenti, Sonzogni.

In cambio di questi benefici tutti gli uomini della Caravana avevano stabilito che la cooperativa e la confraternita avessero un unica cassa e quindi potevano ben dire che con il guadagno del loro lavoro si aiutavano.

Successivamente questo privilegio venne riconosciuto anche dalle autorità genovesi e sancito nello statuto. A partire dal 1576 chi voleva entrare a far parte della Società della Caravana doveva esibire la fede di nascita compilata dal parroco per dimostrare di essere nato nel territorio di Bergamo.

 

Gli statuti del 1340 sono il primo documento della Società della Caravana e già dimostrano la sua duplice natura: essa era una cooperativa di uomini che lavoravano insieme e, contemporaneamente, un ente di mutuo soccorso, come essi stessi testimoniano attraverso le parole che abbiamo voluto porre come titolo per questo intervento.

Per questo motivo le norme che reggono le attività della confraternita e quelle che regolano il lavoro al porto sono intrecciate e si sovrappongono; con il tempo, poi, le due componenti finiscono con l’essere indicate con l’unico nome di Societas Caravane.

La confraternita aveva la sua sede nella chiesa di Santa Maria del Carmine dove possedeva una cappella. Qui venivano celebrate le messe di suffragio e, soprattutto, venivano sepolti i caravana e i loro familiari morti a Genova.

A tale scopo la Compagnia aveva stipulato un accordo con i frati carmelitani che reggevano la chiesa, impegnandosi a versare al convento una rendita annua garantita dal capitale che a questo scopo era stato investito in una quota delle compere del banco di San Giorgio, cioè dagli interessi dei BOT emessi dalla repubblica di Genova a copertura del suo debito pubblico.

L’istituzione di una confraternita legata ad un convento garantiva due cose fondamentali: molte messe di suffragio per la salvezza dell’anima, una sepoltura certa in chiesa, in attesa della resurrezione dei corpi.

Tutto ciò era particolarmente importante perché il destino dell’anima e quello del corpo dopo la morte costituivano una preoccupazione molto forte per i nostri antenati come testimoniano tutti i testamenti dei secoli passati.

La sicurezza che veniva loro offerta rendeva più facile affrontare il pensiero della morte, nella certezza che sarebbero state celebrate delle esequie degne e che nessuno sarebbe stato lasciato solo.

La Confraternita dei caravana interveniva anche nel caso della morte di un familiare contribuendo alle spese, o addirittura assumendole su di sé nel caso quando a morire era un bambino e il padre non aveva le disponibilità economiche per i funerali.

Come Confraternita la Compagnia interveniva, inoltre, in aiuto dei soci in difficoltà: in caso di inabilità temporanea al lavoro, per malattia o infortunio, pagava un salario mensile al lavoratore fino al suo ritorno in attività; in caso di malattia, invece, provvedeva alle cure mediche: a questo scopo essa possedeva 7 posti letto presso l’ospedale della Maddalena. Tutti i soci, inoltre, erano tenuti ad assistere i malati Va sottolineato che tutti gli interventi caritatevoli erano fatti esclusivamente in favore dei soci, non dei genovesi o degli altri lavoratori bergamaschi, che pur vivevano a Genova come, ad esempio, i camalli della valle di Brembilla.

L’unica concessione che veniva fatta agli estranei era la possibilità di usufruire di alcuni letti dell’ospedale, ma solo se non servivano alla Caravana.

Il trasporto dei morti e quello degli invalidi, che la domemca venivano portati a spasso con le cariole, era prestato a titolo personale dai singoli soci che per tali servizi si facevano pagare e che versavano una percentuale del ricavato nelle casse della Compagnia.

La vita della Confraternita, l’organizzazione delle messe e delle processioni, l’assistenza ai compagni in difficoltà erano sottoposte all’autorità dei Priori che avevano anche il compito di rappresentare la Compagnia davanti alle autorità genovesi.

Tra i loro compiti c’era anche quello di controllare che gli uomini fossero presenti alle messe e alle processioni a cui avevano l’obbligo di partecipare e che manifestassero la loro devozione alla Madonna del Carmine.

A metà del Quattrocento, con i fondi della Compagnia, fu fatta realizzare dai Priori un’icona con la Madonna in trono, che venne posta in Piazza Banchi insieme ad una lampada che serviva anche ad illuminare la piazza e a garantirne la sicurezza.

 

Società della Caravana

 

Confraternita di Santa Maria del                                               Consorzio dei lavoratori della Dogana

                            Carmine:                                                                             di Mare:

Protegge la comunità                                                                     Gestisce fino ai fondaci dei mercanti

Garantisce una sepoltura privilegiata                                          tutte le merci che arrivano dall’alto mare

                                                                                                                           Compiti dei Consoli:

Compiti dei Priori:                                                                         Organizzano e controllano il movimento

Rappresentano la Compagnia davanti alle                                delle merci

autorità                                                                                             Assegnano i turni di lavoro

Assistono i confratelli                                                                    Controllano i comportamenti

Organizzano le esequie                                                                  Sanciscono i comportamenti scorretti

Si occupano delle opere di carità

                                                                                                           Cassiere

                                                                                                           Scrivano

 

Organigramma della Società della Caravana della Dogana di Mare di Genova

Tutte le cariche erano elettive e tutti i soci potevano essere eletti anche più volte, purché i mandati non fossero consecutivi.

Successivamente venne introdotta la clausola per cui potevano accedere alle cariche solo coloro che, oltre a saper leggere e scrivere, conoscevano le leggi e le norme della Repubblica sui dazi di dogana.

Si creava, così, all’interno del gruppo una gerarchia: il gradino più basso era costituito dai soci più giovani e da coloro che avevano dimestichezza con la scrittura e l’aritmetica; ai vertici si trovavano i soci più esperti e con un livello più alto di istruzione.

 

Allo scrivano e al cassiere era demandata la tenuta dei conti, il primo, inoltre, aveva il compito di aggiornare gli statuti con le nuove norme dopo che erano state approvate dall’assemblea dei soci e ratificate dai Padri del Comune Conservatori del Porto, l’autorità statale da cui dipendeva la struttura portuale.

Suo compito era anche quello di ricopiare su un libro apposito il testo delle richieste che la Compagnia inviava a tale autorità, e le sentenze che ne conseguivano.

I libri dei conti erano conservati nella sede sociale e potevano essere portati fuori dalla stanza solo per i due giorni in cui si facevano i conteggi; per questo periodo erano affidati in custodia al cassiere che poteva portarli a casa sua purché non abitasse con lo scrivano. Se per caso i due abitavano nella stessa casa, si procedeva all’estrazione di un nuovo custode

La cooperativa e la confraternita avevano un’unica cassa e quindi potevano ben dire che con il guadagno del loro lavoro si aiutavano.

 

La Società della Caravana aveva la sua sede lavorativa al porto, nell’antico palazzo che si affacciava su Piazza Banchi e sui moli, nel Cinquecento all’edificio fu aggiunto il Palazzo di San Giorgio sede dell’omonimo Banco da cui la compagnia dipendeva per tutto quello che riguardava l’aspetto economico.

Ogni mattina, nell’aula posta al piano terra i due consoli organizzavano il lavoro della giornata, stabilivano i turni e assegnavano i compiti, poi si spostavano nello spazio recintato della dogana di mare: uno ai ponti dove sovrintendeva al lavoro dei compagni; l’altro al banco dei pesatori.

Quando una nave attraccava i caravana provvedevano a scaricare le merci utilizzando stanghe, corde e carriole, tutti attrezzi che appartenevano alla Caravana a cui dovevano restituirli alla fine della giornata e di cui erano responsabili.

Una volta che la stiva era stata svuotata, essi sballavano le merci e le suddividevano secondo gli ordini di acquisto dei mercanti.

Tutte le merci erano soggette al pagamento dei dazi di dogana, a questo scopo esse erano portate dai facchini al Banco dei Pesatori, dove, sotto il controllo del console della Caravana, tutto veniva pesato, contato e registrato.

Queste operazioni fornivano i dati per calcolare la somma che i mercanti dovevano pagare per sdoganare la loro mercanzia.

Dopo l’istituzione del Portofranco nella seconda metà del Seicento, ai compiti dei caravana si aggiunse quello della custodia dei magazzini dove le merci rimanevano fino al momento in cui il mercante le ritirava.

 

Gli uomini della Compagnia erano anche gli unici facchini autorizzati ad effettuare il trasporto delle merci dalla dogana ai fondaci dei privati, per questo servizio i mercanti pagavano alla Caravana il prezzo del trasporto secondo una tabella affissa in dogana e concordata con le autorità del porto e con i mercanti stessi.

Altre compagnie di facchini bergamaschi, nel corso dei secoli, cercarono in tutti i modi di scalzare almeno questo monopolio, assicurando che avrebbero garantito il trasporto con tariffe minori, ma sempre si scontrarono con le autorità genovesi e con i rappresentanti dei mercanti che si fidavano solo della Società della Caravana la quale, nel corso di secoli, sempre aveva rigidamente controllato e garantito il comportamento dei suoi soci e sempre aveva rimborsato gli eventuali danni dovuti a negligenza.

Qualche volta era successo, infatti, che fosse mancata della merce, come nel 1791, quando erano andati perduti alcuni colli di telerie dopo che erano stati introdotti nel Portofranco.

In questo caso la Compagnia aveva pagato il danno, tuttavia, in una nota tiene a precisare di non essere obbligata a pagare

 

quei generi che per incuria, disattenzione o inavvertenza dei negozianti e dei loro inservienti vengono persi, tanto più che l’ ingombro dei corridoi e delle scale de quartieri e communi del Portofranco è cagione di confusione e furti che si commettono qui come altrove.

 

Gli uomini della Caravana non potevano riscuotere nessuna somma di denaro a titolo personale, tutto doveva essere versato nelle casse della Società, essi, però potevano, con il benestare dei consoli, esercitare la mercatura acquistando direttamente la merce in dogana.

Sappiamo che compravano zucchero, lana spagnola, cotone che rivendevano in patria e che importavano a Genova panni bergamaschi, manufatti in legno e in ferro, prodotti in valle Brembana.

Una parte dei guadagni derivanti da queste attività doveva essere versata nella cassa comune, così come doveva essere versata una parte dei compensi che avrebbero ricevuto se si imbarcavano per qualche tempo come marinai sulle navi mercantili o su quelle militari, sempre dopo aver ricevuto il consenso dei consoli.

 

Nelle casse della Società entravano, poi, la metà delle somme pagate dai mercanti per le operazioni di pesatura, il ricavato del trasporto delle merci ai magazzini privati, la tassa per la marchiatura di tutto il pellame importato, operazione di cui i caravana avevano il monopolio, e la quota pagata dei nuovi soci al momento dell’iscrizione.

Con queste entrate la Caravana pagava ai soci un salario mensile calcolato sulla base dei giorni lavorati, e manteneva la confraternita.

Il salario doveva essere molto buono e le occasioni di guadagno frequenti dal momento che i posti a Genova erano molto ambiti e le famiglie dei caravana in patria godevano di un tenore di vita migliore rispetto a quello dei loro compaesani.

Ai soci, inoltre, spettava una quota del valore dei nuovi posti creati dalle autorità del porto, che venivano messi in vendita nel territorio d’origine

 

I consoli, oltre che sul lavoro, esercitavano un rigido controllo sui comportamento e sull’abbigliamento: ai soci, per esempio, era proibito portare cinture con fregi d’argento e nessuno poteva indossare, al di fuori dell’area del porto, il grembiule in tela genovese azzurra, lungo fino al ginocchio e stretto ai fianchi che costituiva la divisa dei caravana. Questo indumento era privo di tasche per evitare ogni tentazione di furto.

Era proibito giocare, bestemmiare, portare armi e, soprattutto, litigare, in caso di diverbi interveniva subito uno dei consoli che doveva risolvere il problema all’interno della Compagnia, senza che intervenissero le autorita.

Coloro che trasgredivano venivano multati o, nei casi più gravi, espulsi; i soldi derivati dalle sanzioni erano destinati tutti alle opere caritatevoli della confraternita.

 

Il gruppo dei lavoratori bergamaschi alla Dogana di Mare costituiva una comunità caratterizzata da una stretta rete di rapporti al suo interno, ma chiusa verso la società genovese, dalla quale, per altro, era percepita come un corpo estraneo e malvisto, come tutto ciò che ha a che fare con imposte e dazi, per non parlare dei cattivi rapporti con le

 
 

altre compagnie di facchinaggio che mal ne sopportavano i privilegi.

Una delle cause di questa estraneità era il fatto che quella dei caravana era un’immigrazione temporanea, in genere per un arco di tempo che andava dai quindici ai vent’anni d’anni, e che le radici con la comunità natale non venivano mai tagliate: gli uomini tornavano periodicamente in patria dove mantenevano proprietà ed interessi.

I caravana, inoltre, cercavano le loro mogli all’interno delle famiglie legate alla Compagnia, sono, infatti, rarissimi i casi di matrimonio con donne genovesi.

A Rigosa, che è la comunità che conosciamo meglio e che conserva i registri parrocchiali a partire dagli ultimi decenni del Seicento, abbiamo trovato solo tre matrimoni di questo tipo.

In questi casi la nuova famiglia finiva poi con il fermarsi definitivamente a Genova quando il marito lasciava il lavoro alla dogana.

A tutto ciò va aggiunto che la maggior parte dei caravana abitava nella zona del Castelletto, oltre il porte//o di Strada Nuiova, nella parrocchia di Santa Maria Maddalena; molti stavano nelle case poste lungo la salita di San Gerolamo e lungo quella di Sanr’Anna.

Questo quartiere si estendeva nella zona posta tra l’antica fortezza del Castelletto e la Strada Nuova, costruita nella seconda metà del Cinquecento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per cinquecento anni, dal 1340 al 1848, un flusso continuo di merci e di uomini percorse la strada tra Genova e Bergamo e con loro viaggiarono le notizie, le idee, i racconti di esperienze vissute sul mare, di incontri con gente straniera, tutto ciò non poté non influenzare le comunità che vivevano nelle valli.

Di tutti quelle esperienze resta oggi, come un’unica testimonianza un ex voto conservato nel Santuario della Madonna del Perello, una tavoletta dipinta nel XVIII secolo, che ci racconta di un viaggio per mare, di una imbarcazione con l’albero spezzato e di una grande paura.

 

LA VALLE BREMBANA NELL’UNITA’ D’ITALIA

LA VALLE  BREMBANA NELL’UNITA’ D’ITALIA

 Rel. Gimondi prof. Diego-insegnante

Conferenza Associazione Priula a.2010-2011

  Le società segrete

 

La Restaurazione e i sistemi reazionari assolutistici, espressi dai nuovi governanti, avevano da subito suscitato il malcontento in molti italiani, specialmente fra gli intellettuali, che aspiravano ai principi della libertà e dell’eguaglianza ereditati dalla Rivoluzione Francese, e altresì nelle classi borghesi, che auspicavano un’indipendenza economica, indispensabile a dar corso ai commerci e alle imprese industriali, fra gli  alti ufficiali, funzionari della pubblica amministrazione, sostituiti o sottomessi ad  esponenti della vecchia nobiltà.

Ogni tentativo di mutare l’ordine costituito, veniva soffocato dall’intervento perentorio ed autoritario dei poteri, predisposti a mantenere l’ordine pubblico.

Costoro confluirono in un movimento liberale che aveva, come obiettivo, la rivendicazione dei principi di libertà civile, politica ed economica, già previsti nelle Costituzioni più evolute, accanto al diritto di partecipare al governo o, per lo meno, applicare una funzione di controllo sulla gestione potere dal momento che l’opposizione politica era considerata un delitto contro lo Stato, i suoi fautori erano perseguiti tenacemente e puniti altrettanto severamente.

Ai liberali non restò altra strada di quella d’organizzarsi in società segrete per poter sviluppare in clandestinità le proprie idee, fare progetti, ampliare e ramificare l’organizzazione, raccogliere fondi per sostenere le proprie attività.

Forme analoghe rappresentate dalla Massoneria, già presenti nella prima metà del Settecento, furono in grado  facilmente a ricostituirsi ed a strutturarsi.

Il loro manifesto era variegato, ma tutte le componenti si identificarono nella volontà  di condurre a fondo la lotta contro i governi oppressivi, di abbattere il sistema reazionario della Sacra Alleanza, di sostenere e promuovere i valori nazionali del proprio paese (patriottismo).

[…]Il primo accenno alle preoccupazioni che cominciano ad affollare l’imperial regia direzione di polizia di Bergamo, e che costituiranno il preludio a quella fitta serie di carteggi intercorsi con le province dipendenti, e in particolare con la nostra, risale al 1819, e si riferisce a quella lettera del 2 dicembre di quell’anno, a firma dell’assessore direttore Pagani, e diretta all’I.R. Delegazione Provinciale di Bergamo, motivata dal fatto di aver saputo che la massoneria francese aveva ripreso la sua attività…L’inchiesta dell’esistenza della Massoneria in Bergamo, malgrado sull’oggetto seguano, in diversi dispacci, anche i circostanziati elenchi dei Franco-Massoni esistenti in città (47 o 48 nomi, ai quali se ne aggiungeranno, in data 6 gennaio 1832, altri 27…evidentemente , non fa nutrire soverchie preoccupazioni alla direzione di Polizia di Milano, che si limita a raccomandare una bonaria sorveglianza sugli stessi[…].

 

Fra i Massoni, si può annoverare certamente Luigi Felice Beltrami[1], trapiantatosi a Clanezzo.

Le autorità austriache dicono di lui che […]il suo carattere è buono: leale, aperto, retto e morale, viene universalmente stimato, astraendo dal clero, che non può perdonargli l’apostasia[…].

 

In Italia,  successivamente  si andò  affermando, fra le società segrete , la Carboneria, intenta a mantenere vivi gli ideali liberal-nazionali e a battersi per ottenere dai Sovrani la Costituzione.

 

Il Magoni è stato accusato di conquistare alla Carboneria…

 

La cospirazione trovò subito proseliti anche da noi;  l’Austria cominciò a perseguire con l’accusa di alto tradimento non solo gli iscritti alla Giovane Italia, ma pure coloro che, venuti a conoscenza della sua attività, non l’avessero contrastata e denunciati i componenti.

Da Milano, giungeva ai colleghi di Bergamo, la sollecitazione a un rigoroso controllo in quanto si era a conoscenza che, l’associazione patriottica, aveva la sua capillare diffusione soprattutto nelle Valli Bergamasche dove era introdotta la lettura dei giornali Giovane Italia e il Tribuno

 

Il primo patriota brembano, implicato nella Carboneria, è stato l’ingegnere Andrea Magoni di Bracca.

Di lui, da quanto ci è stato possibile sapere da un documento riportato dallo studioso Alberto Agazzi, già nel lontano 19 febbraio 1821, sappiamo essere un fervente attivista della Carboneria.

Il Magoni, è stato accusato […]di conquistare alla Carboneria – presso il caffè di Matilde Rossignani in Bergamo – il parrucchiere Domenico Tagliabue, offrendogli anche del denaro, e che poi era stato – l’8 maggio – udito gridare sulle mura: “…Viva le setta dei Carbonari che non perisce mai!…” […].

 

Dal processo, istituito contro i carbonari del 1821, le autorità austriache apprendono che, alla Congiura dei generali, attuata nel 1815, diretta da graduati, uniti tra di loro anche da un vincolo massonico, che aveva lo scopo di ristabilire il Regno Italico, facendo insorgere il popolo di Crema, di Bergamo e di Brescia, non era estraneo anche un certo Annibale Locatelli[2], proprietario di una casa di campagna in località Fonderia, in Villa d’Almè.

Di lui, Bortolo Belotti riferisce che, all’epoca del procedimento abitava a Lugano e che, nel 1826, sappiamo con certezza, già deceduto.

 

La rivoluzione del Lombardo-Veneto e la prima campagna militare della prima guerra d’Indipendenza

 

L’oppressione Austriaca aveva già cominciato ad esasperare gli animi brembani ben prima dei famosi moti del 1848.

La polizia austriaca si dimostrava assai preoccupata dell’insorgere di varie forme di ribellione che si manifestavano in tutta la Provincia e, i controlli, si facevano sempre più rigorosi; ciò nonostante la Valle Brembana sembra, ai suoi occhi, un luogo tranquillo.

Infatti in un rapporto redatto a Zogno il 16 settembre 1830 si dice che il clima che regna  è pacifico e che […]la popolazione è affatto aliena da novità, ed attaccatissima all’ottimo sovrano[…].

 

Che tutto pacifico però non fosse è provato dal rafforzamento dei presidi di gendarmeria che si andava svolgendo sul territorio, già da tempo; Medolago e Boffelli riferiscono che […]a Piazza Brembana nel 1825/27 abbiamo notizia di una brigata di gendarmi. Qui era di stanza un distaccamento militare: la 4a Compagnia di volontari provenienti dalla regione austriaca della Stiria, che faceva anche operazioni di pattugliamento[…]

 

In contrapposizione agli arresti messi in pratica dalla polizia austriaca nei confronti di coloro che si rendevano protagonisti della diffusione delle nuove idee, si contrapponeva la fuga di costoro verso gli Stati amici.

A tal proposito, il Delegato provinciale di Bergamo, il 12 settembre 1833, evidenziava ai commissari distrettuali che […]parecchi individui furono recentemente arrestati e vari altri fuggirono in causa delle scoperte macchinazioni politiche[…].

Fra coloro che avevano abbandonato la nostra Valle risultò Giacomo Andrea Pesenti di Brembilla al quale, il 16 dicembre 1831, gli venne intimato, da parte delle autorità, il rimpatrio.

 

L’attività rivoluzionaria, comunque conosciuta, ma forse sottovalutata dalle autorità austriache, rimaneva sempre laboriosa fra le maglie degli agitatori liberali.

 

  Agitatori e cospiratori a Zogno

 

Zogno è forse il luogo dove, più di altri, si va diffondendo un generale malessere che, incurante dei pericoli rappresentati dalle strutture politico-militari e da una fitta rete di confidenti, spie e delatori pronti a rendere i loro servizi all’Austria, manifesta, anzi, ostenta, rabbia e indignazione nei confronti del tiranno.

E lo fa apertamente […]mediante pubblica derisione con esposizione di tre “pasquinate”[…].

I colpevoli vengono processati ma, grazie al falegname Olimpio Bonetti[3] che si era reso introvabile per non deporre alle udienze, […]gli atti vengono passati all’archivio con Decreto 5 febbraio 1839 per la irreperibilità del testimonio Bonetti[…].

Nel gruppo di ispirazione liberale che si andava sempre più consolidando in paese, che amava ritrovasi presso l’Osteria La Vedova, […]risultava infine annidato un elemento in apparenza di poco conto, ma invece insidiosissimo per la politica austriaca locale, cioè quel barbiere Licini Massimiliano[4], epigrammista popolaresco e mordente beffeggiatore dei funzionari austriaci[…].

Popolarissimo con il soprannome Lecchini aveva bottega a Zogno, nell’attuale via Cavour, e […]fra un taglio di capelli e l’altro, teneva cattedra ai clienti ed alto il tono politico-umoristico del paese[…].

A Giacomo Lazzaroni detto Già non mancava oltre che di coraggio, anche di fantasia; si racconta che […]con una chitarra di ferro di sua costruzione battuta all’incudine, nelle osterie inseriva motivi patriottici alle canzoni in voga[…].

Inoltre agiva Pietro Cattaneo[5] il quale […]faceva il custode della Prefettura ed informava degli editti prima di affiggerli. Intransigente con le proprie idee, soleva autochiamarsi “Paccanello sempre quello”. Era diretto cugino di Carlo Cattaneo, del quale aveva le precise sembianze[…].

Pure Giacomo Pasquinelli[6], sempre a Zogno, scendeva in campo ad incitare i suoi concittadini alla ribellione; nell’aprile 1848, […]teneva un comizio sul piano del Maglio, località ora occupata dalla Manifattura di Valle Brembana, e, come dirà più tardi un rapporto di Stefano Benaglia, commissario distrettuale di quel comune, aveva “l’audacia di salire sopra un pulpito, istillando ad una grande quantità di abitanti colà radunati, con architettato e studiato discorso, avversione e odio al governo austriaco” […].

 

Furono due ardenti patrioti, quindi nemici del Governo austriaco

 

Ancora, da Isaia Bonomi, apprendiamo che […]un distinto serinese è pure da ricordare in relazione a questi avvenimenti del 1848 e precisamente certo Gervasoni Gervasio, perito agrimensore, nato a Venezia il 26 aprile 1824, morto a Serina il 23 novembre 1904, che si era trasferito da Dossena assieme al di lui padre Dott. Alessandro, il quale era stato nominato medico in Serina ed aveva qui sposato in data 4 giugno 1820 la serinese  Rosa Limonta di Carlo. Detto Gervasoni Gervasio, da un documento rinvenuto nell’archivio comunale di Serina, risulta che all’epoca degli avvenimenti insurrezionali del 1848, e cioè avendo allora l’età di 24 anni, era Capitano di una compagnia della Guardia Nazionale, di recentissima costituzione in funzione antiaustriaca, e come tale gli era stato spiccato un decreto di arresto del quale documento però non è possibile dare migliori precisazioni…Di lui anche Don Andrea Carrara Ferosa (1880-1960) in alcuni suoi appunti manoscritti conferma che tanto egli che suo padre “furono due ardenti patrioti, quindi nemici del Governo austriaco, e per questo furono privati, non so se di una vistosa rendita che godevano a Venezia o di una vistosa eredità che colà li attendeva”[…].

 

L’alta Valle Brembana

 

Nel […]1848 San Pellegrino fu rifugio di molti parenti e patrioti impegnati a guidare l’ insurrezione di Bergamo che si accompagna e segue alle cinque giornate di Milano. La persona più eminente di questo periodo fu la consorte del patriota G. Battista Camozzi, fratello di quel Gabriele che fece parte del governo provvisorio costituitosi in Bergamo il 23 marzo e fu comandante della guardia nazionale della città e della provincia per tutto il periodo dell’insurrezione. La contessa Giovanna Giulini della Porta in Camozzi (figlia del conte Giorgio di Milano e della contessa Beatrice Belgioioso d’Este) si era rifugiata col figlio Cesarino, nell’ospitale stabilimento della signora Ester Palazzolo, mentre il marito e il cognato, in rapporto con Mazzini e Garibaldi, erano impegnati nella lotta di insurrezione[…].

 

Anche l’Alta Valle non restò insensibile al richiamo dei nuovi ideali e non rimase ai margini delle vicende che ne determineranno l’evoluzione e la loro definitiva affermazione.

 

Gabriele Medolago afferma che a […]Lenna erano attivi patrioti i fratelli Mocchi[7] che avevano preparato in Alta Valle buon terreno alla propaganda per la rivoluzione del 1848-1849 e che parteciparono attivamente ai moti. Essi erano Francesco Maria (1820-1884), Bernardino (1826-1887) e Pietro (1828-1892), mentre l’altro fratello Domenico (1834-1875) era troppo piccolo[…].

 

Uno dei protagonisti, Cipriano Milesi, in una lettera inviata a Gabriele Camozzi, dichiara di essere stato  […]un fabbricatore di polvere ardente, condottiere di rifugiati, portatore e distributore di libri e stampiglia tutte aderenti allo scopo dell’insurrezione, nonchè fui promotore, come forse le sarà ben noto dell’insurrezione in Valle Averara[…].

 

Felice Riceputi afferma che […]sotto stretto controllo erano tutti coloro che svolgevano attività in ambito pubblico. Ne è un esempio una lettera “riservata” del 10 maggio 1842 in cui la Polizia chiede al Commissario Distrettuale di Piazza di “fornirci esatte ed estese informazioni sulla condotta politico-morale e religiosa, fama pubblica, non che sull’alte virtù e zelo del D. Angelo Bordoni, medico chirurgo condotto di Branzi e uniti”. La rassicurante risposta sarà che la condotta del Bordoni è ”sotto ogni aspetto regolarissima” e che addirittura “egli è l’idolo dei propri abitanti” verso i quali esercita non solo la sua “filantropia” ma presta anche dei “pecunari soccorsi” […].

 

Bortolo Belotti così descrive la situazione: […]Scoppiata la rivoluzione delle Cinque giornate (18-22 marzo 1848), scoppiata la rivoluzione anche a Bergamo (19-22 marzo), gli Zognesi non accolsero impreparati le notizie  degli storici eventi. In particolare aveva operato fra loro la propaganda del perito agrimensore Giacomo Pasquinelli; né doveva essere avverso il parroco, che era allora don Pietro Giupponi (1838-1873), successo a don Zonca, poichè il movimento era sorto al grido di “Viva l’Italia! Viva Pio IX!” e il vescovo mons. Carlo Gritti Morlacchi era notoriamente animato da spiriti liberali e italiani. Fu dunque un furioso suonar di campane a stormo da tutti i campanili, un accorrere di gente da ogni parte, un’onda di canti patriottici, tra i quali specialmente il fatidico “Fratelli d’Italia” di Goffredo Mameli, che salivano dalla valle, scendevano dalla strada del monte e si ripercotevano echeggiate di balza in balza. Molti si avviarono verso Bergamo e diedero valido contributo agli insorti della città; tra gli altri si ricorda quel Bernardo Mazzoleni, che, per essere armato oltre che all’offesa anche alla difesa, si era infilata una vanga nella cinghia dei pantaloni, quasi come uno scudo[…].

 

In città, dove erano convenuti i volontari da tutte le valli –  quelli della Valle Brembana guidati dal Locatelli –  […]senza divisa alcuna, ma contraddistinti da abbondanti coccarde e fasce tricolori, formarono variopinte compagnie, che accompagnavano la marcia con canti patriottici, raccogliendo applausi dalle popolazioni di tutte le borgate, che uscivano ricevuti festanti sulle strade provinciali… L’armamento, del tutto improvvisato, era dei più strani: si era dato di piglio a tutte le armi da fuoco e da taglio che si erano trovate: molti fucili a pietra, molti coltellacci e le roncole legate in cima a bastoni[…].

 

Da San Pellegrino, sotto la guida del cap. rag. Carlo Della Chiesa[8], giunsero a Bergamo […]il tenente Frassoni Pietro fu Carlo e i militi: Baroni Gio. Batta fu Gio. Batta, Berlendis Gio. Maria fu Antonio, Ghisalberti Angelo fu Pietro, Zanchi Pietro di Francesco, Orlandini Giuseppe fu Giovanni[…]e da Zogno partirono […]Alessandro Ghisalberti, Padovani Francesco, Giacinto e Francesco Risi e lo stesso Pietro Cortinovis capo ed organizzatore del manipolo Zognese accorso in difesa di Brescia[…].

 

1846, 17 luglio: Papa Pio IX concede l’amnistia.

1847, 13 dicembre: l’arciduca Sigismondo, nominato generale di brigata fa il suo ingresso in Bergamo.

1848, 10 febbraio: a Bergamo, presso il Teatro sociale, vengono distribuite molte copie di un catechismo politico antiaustriaco.

1848, 4 marzo: il re Carlo Alberto di Savoia emana lo Statuto Albertino.

1848, 17 marzo: gli Austriaci vengono scacciati da Venezia. Viene instaurata la Repubblica.

1848, 18 marzo: Milano insorge contro gli Austriaci dando inizio alle cinque giornate.

1848, 20 marzo: Bergamo si solleva contro gli Austriaci.

1848, 20 marzo: gruppi di volontari, partono da Bergamo e da altri luoghi della provincia per prestare aiuto agli insorti di Milano.

1848, 21 marzo: i bergamaschi partecipano all’assalto delle porte orientali (Tosa e Romana) di Milano.

1848, 23 marzo: rientrano a Bergamo, da Milano, i volontari che hanno partecipato alle Cinque giornate, diffondendo la notizia della fuga di Radetzky.

 

 

 

In soccorso di Milano

 

[…]Il 20 marzo 1848, giorno che segnò anche l’inizio dell’insurrezione in Bergamo, “convenuti da tutte le vallate della Bergamasca: dalla Valle Seriana al comando di G.B. Spinelli e del Piccinini[9], dalla Valle Brembana al comando del Locatelli, dalla Valle Imagna e Cavallina…” dirette verso Milano insorta[…].

 

[…]La prima Compagnia partì (da Bergamo) al comando di Benigno Regazzoni il 20 mattina a piedi…Una seconda Compagnia più numerosa era al comando del capitano Nicola Bonorandi[10]…Era con lui un frate dei Minori Riformati di Serinalta[11] “il quale col crocefisso in mano e lo spadone nell’altra bandiva la crociata, invitava i forti ad arruolarsi, invocava ausilio dal cielo, benediva armati e bandiere”…La mattina del 21 le varie colonne, in tutto circa 300 uomini, si riunivano in Limito e si accostavano per l’attacco alle porte orientali (Porta Tosa e Porta Romana) della città…“il primo giorno fu tutto confusione”; ma la mattina ed il pomeriggio del giorno dopo (mercoledì 22) l’attacco fu efficace…“verso sera del mercoledì  tutti i bergamaschi erano tutti sotto porta Tosa…I Milanesi ricevevano quei di Bergamo con gran festa, generosamente chiamandoli i loro liberatori, perchè quella porta apertasi per opera de’ Bergamaschi, fu la prima che si guadagnò all’inimico, fu perciò detta Porta Vittoria… Così i volontari nostri andarono all’espugnazione della Porta di Milano, come se si fossero recati all’assalto delle mura di Gerusalemme: con la spada e con la croce. Accanto a Nicola Bonandrini[12], era ricordato il Frate dei Minori Riformati[13], con in mano un’arma e nell’altra il crocefisso: piegarono le ginocchia i combattenti e poi si lanciarono nella mischia” […][14].

 

[…]Il giorno seguente (21 marzo), trecento bergamaschi riuniti nelle loro compagnie, diedero l’assalto alle porte orientali della città, la Tosa e la Romana. Porta Tosa, battezzata poi porta Vittoria, fu la prima ad essere conquistata aprendo così la strada ai soccorritori ed i bergamaschi furono accolti con scene di grande esultanza e gioia. Liberata Milano, alcuni bergamaschi, si unirono alle colonne stanziate in città mentre, altri, rientrarono in Bergamo dove, quattro Compagnie arruolate al comando di Nicola Bonorandi che, dopo l’esperienza milanese era stato elevato al grado di colonnello, il 29 marzo 1848 partirono per il Tirolo[…].

 

Con il Frate dei Minori Riformati di Serina, grazie a Gerolamo Calvi, sappiamo che all’espugnazione di Milano,  partecipò anche Pietro Locatelli di S. Giovanni Bianco di cui diremo più avanti.

 

Altri nominativi di volontari si ricavano dalla risposta […]alla richiesta all’I.R. Delegato, relativa agli individui compromessi con la partecipazione ai moti insurrezionali del 1848, il Distretto di Zogno indicò i nomi di Pietro Locatelli[15] e Giacomo Pasquinelli. A sua volta quello di Piazza Brembana ne segnalò quattro: Alberto Calegari di Piazza, Giuseppe Giupponi di Lenna, Pietro Regazzoni di Santa Brigida e Silvestro Baschenis di Averara[…].

 

Battista Mainetti, da una ricerca condotta sui Cittadini di Moio che combatterono nelle guerre dal 1848 al 1945 segnala che, alla prima guerra d’Indipendenza, partecipò anche Giovanni Balestra di Bartolomeo detto il Ros, nato nel 1823[16].

 

L’Eco di Bergamo, il  30 ottobre 1889 pubblicava il seguente comunicato:

Pei superstiti delle Cinque Giornate di Milano. – Il Consiglio comunale di Milano, con deliberazione 29 Gennaio u.s. decretava il conferimento, a titolo d’onore, della Cittadinanza milanese ai non Milanesi fra i superstiti combattenti delle Cinque Giornate di Milano del marzo 1848. La Commissione, all’uopo delegata dall’on. Sindaco di Milano, invita tutti coloro che si ritengono designati a conseguire la cittadinanza onoraria milanese, a volerne fare domanda alla predetta Commissione, residente nel palazzo municipale di Milano a tutto il giorno 30 Settembre p. v. .

 

 

Un frate dei Minori Riformati di Serinalta

 

Riprendiamo per necessità gli avvenimenti che portarono, il 20 marzo, i Bergamaschi in difesa di Milano dove si accenna ad un Frate dei Minori Riformati di Serina con in mano un’arma e nell’altra il crocefisso che si batte, incitando i compagni, sulle barricate e, le di lui gesta eroiche, vengono  immediatamente annunciate a Varenna (Lecco), il 22 marzo 1848.

 

Molti storici si sono ricordati di lui; oltre ai riferimenti precedenti anche Bortolo Belotti, nella sua voluminosa pubblicazione, accenna ad […]Un frate, presa la sacra bandiera del Crocifisso, gridò: “Chi è cristiano mi segua in favore dei fratelli di Milano. Il tamburo e le campane suonano a storno in tutte le valli bergamasche”[…].

 

Alfonso Vajana, scrive che i volontari bergamaschi giunsero a Milano […]nella notte del 20, avendo in testa il loro frate armato di crocifisso e sciabola sguainata…il 22 marzo i bergamaschi si concentrano a Porta Tosa. Un nuovo tentativo di scalata delle barricate è respinto. Il frate armato cade[…].

 

Sereno Milesi Locatelli ci racconta che  […]Qualcuno lo vide cadere dall’alto della barricata, mentre stava agitando il crocifisso. Morto? Ferito? Chissà? Forse soltanto ferito. Nessuno lo vide più. Se soltanto ferito, avrà fatto ritorno al suo convento, dove sarà forse vissuto sino a tarda età, conservando nel cuore, come in un sacrario, il ricordo di quelle giornate gloriose[…].

Sereno Locatelli Milesi non ebbe modo di conoscerne le sorti, ma Giuseppe Locatelli ce lo racconta ancora vivente alla fine di marzo del 1849, in occasione della spedizione in soccorso a Brescia, sempre accanto a Gabriele Camozzi.

Ma non solo, egli ci fa conoscere anche la sua identità: […]Giovanni Erba[17], già frate capuccino, detto Padre Massimino[…].

 

Come abbiamo già accennato, è stato riscontrato che un certo Giovanni Erba di Serinalta della colonna bergamasca che ha partecipato ai moti di Milano nel 1848 e di Brescia nel 1849, il 26 ottobre 1850 si trova a Lugano; quasi certamente si tratta del frate che qualcuno pensava caduto in combattimento, che invece è vivo e vegeto in Svizzera.

 

Si pensava di aver già svolto un buon lavoro sulla misteriosa figura di questo frate quando, inaspettatamente, ci viene in aiuto un suo compagno d’armi che racconta di averlo incontrato, dopo la conclusione della prima guerra d’Indipendenza, a Novi.

Egli narra: […]Un giorno trovammo a Novi un cappuccino. Ci riconosce: era stato con noi presso al 22° Reggimento e nei primi giorni della rivoluzione 1848 coll’abito da Cappuccino marciava d’innanzi a noi verso Milano portandosi in spalla un gran crocifisso di legno, gridando avanti Italiani: in hoc signo vinces. Una cannonata vicino alla stazione di Porta Tosa gli portò via il suo vessillo, lasciando però incolume il Vessillifero. Deposta la tonaca fu sempre con noi ubbidiente e buono. Da poco aveva ripreso l’abito e qual laico veniva spedito a Novi, ove era appena arrivato e domandava a noi ove era il convento. Immediatamente lo condussimo alla solita nostra osteria ed ivi lo fecimo satollare a crepa pancia con un vino che richiamava i morti. Strepitava il buon frate, volersene andare, cavarsela da “oter balos” (voi furbi), ma era tutto inutile. Lo tenemmo con noi sin quasi la mezza notte indi del tutto disfatto sostenendolo lo trassimo sotto il porticato del convento, che fortunatamente non era lontano. Ivi adagiatolo, diedimo una gran scampanellata e quando si presentò il frate portinaio gli consegnammo il nostro Professo dicendolo affranto dalla fame e dalla stanchezza. In seguito non ne seppimo più nulla[…].

 

La fortuna ha voluto che, di padre Massimino, si abbia ancora a rintracciare qualche elemento; il 9 aprile 1899 in occasione del 50° delle Dieci Giornate, il Municipio di Brescia dispone il conferimento di una Medaglia commemorativa a tutti i superstiti di quell’evento: fra loro troviamo anche Erba Giovanni accompagnato dalla qualifica – forse ad indicare l’abbandono del saio? – già Frate Massimo, dimorante a Torino.

Isaia Bonomi, che tanto si è interessato al frate, in un suo saggio scrive: […]Si deve inoltre schiettamente riconoscere che una così spiccata manifestazione di alto patriottismo non può essere stata in Serina un caso isolato ed a sè stante, ma deve avere trovato quivi un ambiente umano favorevole, ed un seguito favorevole lo deve pure aver accompagnato nella sua trionfale impresa di Milano, quantunque purtroppo per ora tutto ciò ci rimane avvolto nel mistero[..].

 

Il ritorno degli Austriaci

 

L’anelito di libertà si recepì anche nei luoghi più remoti della vallata brembana; ecco cosa scriveva a Valnegra, il 22 marzo, Carlo Calegari: […]Memoria della Revolusione di Popolo contra l’Imperator Daustria Ferdinando Primo e stato Fatto Guerra con questo Barbaro Imperatore e la abiamo vinta e abiamo avuto in rinforso, Carlo Alberto Rè di Piemonte e dalli arciduci e il Sommo Pontefice in nostro Favore e con la Grasia di Dio siamo liberi Da Tedeschi, e godemo il sale a metà presso[…].

 

Tutto faceva pensare ad un assetto politico consolidato tanto che si andava organizzando una struttura nazionale dove, fra l’altro, era previsto un esercito proprio.

A sostenerlo, erano state chiamate anche le singole amministrazioni comunali.

Ricaviamo  la notizia da un dispaccio nel quale si legge che, […]ad esito del rapporto 3 corrente giugno (1848) n°242 si trasmette alla Deputazione Comunale di Sedrina il mandato di £100 per uffizio dei Coscritti chiamati a formar parte dell’Esercito Italiano[…].

 

[…]Dall’euforia  degli avvenimenti, che sembravano aver allontanato definitivamente l’austriaco dal territorio italiano, si giunse alla grande prostrazione quando il Piemonte, in seguito al tracollo militare di Custoza, abbandonò i suoi propositi mettendo fine, con l’armistizio Salasco, alla prima parte della  guerra d’Indipendenza. Capitolata Milano, gli austriaci si apprestarono a rientrare in Bergamo e questo, come ad ogni cambiamento di regime, procurò i soliti sconvolgimenti. In città, ovunque, e sulle strade, sia interne che periferiche, vi era un traffico incredibile; gente che rientrava in Bergamo ad accogliere festante gli austriaci e altra che, invece, se ne fuggiva timorosa delle ripercussioni che il loro ritorno avrebbe procurato. Fra questi ultimi troviamo anche il nostro più noto poeta vernacolo, Pietro Ruggeri da Stabello[…].

L’insuccesso dell’insurrezione e l’imminente ritorno degli Austriaci infranse un sogno, in cui tanto avevano creduto, e il morale collettivo fu  così  affranto tanto da rimembrare nello stesso autore, un’atroce situazione dantesca.

La situazione non è molto dissimile a San Pellegrino che ancora Pietro Ruggeri scrive, lasciandosi alle spalle il paese, […]Ancor ben avviati, addio di volo/Agli affollati smorti concorrenti/Ai bagni e ai tanti altri in pianto e duolo/Fuggitivi affannosi di spaventi[…].

 

I fatti incalzavano rapidamente: domenica 13 agosto 1848 rientrarono in Bergamo gli Austriaci.

Da San Pellegrino intanto la contessa Giovanna Giulini della Porta, il 22 agosto 1848, scriveva al marito Giovanni Battista Camozzi, che si era rifugiato in Svizzera con il fratello Gabriele e ad altri patrioti: […]Noi siamo tutti a San Pellegrino: Lupi, Brembati, Sozzi ed altre famiglie che si credono sicurissime ed attendono che passino i primi giorni di occupazione austriaca[…].

 

Pensiero degli Austriaci fu quello di rinsaldare la loro presenza sul territorio; si applicarono quindi anche a rafforzare le Gendarmerie, dotandole di maggior personale, e istituendo ulteriori presidi armati.

 

Da un rapporto del Comandante la Brigata locale di R. Gendarmeria, apprendiamo che presso l’Osteria ai Ponti di Sedrina – gestita da Giuseppe Salvi – territorio Com.le di Brembilla, uno dei punti strategici più importanti dell’intera Valle Brembana, […]venne, d’ordine dell’I.R. Comando in Bergamo, stanziato un posto di Forza Armata…composto di 3 gendarmi e 20 soldati dell’I.R. Reggimento B. Vinot(?)[…].

Quel che è curioso è il documento che dice testualmente: […]il relativo pagamento – sostenuto dall’avamposto – debba come parrebbe subordinatamente a carico di tutti i Comuni del Distretto alla cui tutela venne attivato di forza sunnominato[…].

A pagare il “servizio di sicurezza” furono, forse, gli stessi nostri convalligiani?

 

Febo Ronzoni si rese benemerito al paese

 

Dell’operato encomiabile di Febo Ronzoni e della sua consorte, della quale parleremo in seguito, veniamo a conoscenza attraverso un documento redatto dalla Giunta Municipale di Bergamo, sottoscritto nientemeno che da G.Battista Camozzi il 9 agosto 1865.

In esso stralciamo la parte che lo riguarda: […]In base alle assunte informazioni e sopra istanza presentata a questo protocollo per parte della Tutela dei minorenni fu Dottor Fisico Febo Ronzoni, diretta ad ottenere attestato economico della famiglia lasciata dal defunto Dottore e dai servigi prestati dal medesimo nel 1848 e dalla di lui vedova Giuseppina Savi nel 1859 certifica che il fu Dr Febo Ronzoni lasciò la propria famiglia composta dalla vedova e di tre piccoli figli per l’immatura di lui morte avvenuta nel 1858, venne ridotta allo stato economico il più ristrettissimo, poichè dal patrimonio lasciato dal defunto genitore, consistente in poche are di terreno, non ritrae quanto abbisogna pel suo mantenimento e perciò nella condizione misera in cui versa, non può sobbarcarsi alle gravi spese che si richieggono per dare qualche educazione ai superstiti figli. Certifica pure, e per scienza propria ed alla scorta dei registri, ed atti d’Ufficio, che il defunto Dr Febo Ronzoni già medico condotto di questa Città per lo spazio di circa anni venti si rese benemerito al paese per utili servigj prestati durante gli sconvolgimenti politici del 1848, nel curare negli Ospitali i Feriti della Rivoluzione, e successivamente gli ammalati delle RR Truppe che furono mandate in questa Città, e tutta quest’opera prodigata in quell’epoca fortunosa la prestò pel solo amore e per l’interesse della Patria[…].

 

Note biografiche su Febo Ronzoni

 

Di Febo sappiamo sia nato presumibilmente a Bergamo, nella parrocchia di Sant’Agata del Carmine, il 26 luglio 1810 da Evaristo Simone Fadino e da Silvestra Lovelli.

Esso aveva altri fratelli: Angelo Giorgio (18 febbraio 1809) e Pietro Luigi (24 luglio 1818).

Il papà, nato a Sedrina dal medico Giuseppe Maria e da Maria Barbara Ronzoni il 22 giugno 1773, svolgeva l’attività di notaio e nel 1836, rivestiva la carica di Vice Conservatore dell’I.R. Archivio generale di Bergamo.

 

Febo, dopo aver conseguito la laurea in medicina, pratica l’attività di medico condotto in Bergamo per circa vent’anni.

Sposa Giuseppina Savi dalla quale ha tre figli.

Muore a Bergamo il 2 dicembre 1858.

 

La seconda campagna militare della prima Guerra d’Indipendenza

 

1849, 9 febbraio: a Roma, il popolo proclamala Repubblica.

1849, 14 marzo: Gabriele Camozzi, rifugiatosi in Piemonte, dal Ministro della guerra, riceve l’incarico di mettersi a capo di una colonna di lombardi emigrati in Piemonte.

1849, 20 marzo: Carlo Alberto rompe l’armistizio iniziando la seconda campagna. Il Camozzi varca i confini e si dirige, attraversando  Varese e Como, a Lecco.

1849, 22 marzo: a Bergamo, dopo ripetuti disordini, alle 15,30, dalla Rocca viene sparato il primo colpo di cannone che cade nel giardino di casa Frizzoni.

1849, 22/23 marzo: i due eserciti si scontrano a Novara. I Piemontesi sono sconfitti in modo decisivo. Carlo Alberto lascia il Paese, abdicando al trono, e si rifugia in Portogallo, a Oporto, dove morirà qualche mese dopo.

 

Carlo Alberto, dopo qualche mese di tregua durante i quali il governo sardo ed i patrioti cercarono di aggregare a sé quante più forze possibili, riapre le ostilità con l’Austria.

Ma l’intento naufragò immediatamente con la pesante sconfitta subita a Novara che indusse il re ad abdicare in favore di Vittorio Emanuele II.

 

1849, 23 marzo: Brescia, costretti gli Austriaci a ripiegare nel castello della città, resiste per dieci giorni meritandosi il titolo di Leonessa d’Italia.

1849, 24 marzo: si concorda l’armistizio di Vignale che sarà firmato due giorni dopo.

1849, 25 marzo: Gabriele si incontra ad Almenno con il fratello Giovanni Battista, che aveva reclutato volontari in Valle Brembana, per accorrere in difesa di Brescia. Nello stesso giorno entra in Bergamo.

1849, 25 marzo: Gabriele Camozzi decide di assaltare la Rocca in Bergamo.

1849, 30 marzo: Gabriele Camozzi si dirige a Brescia.

1849, 22 aprile: il maresciallo Thurn und Taxsis visita Cornello dei Tasso.

1849, 30 aprile: tentativo fallito da parte dei Francesi di entrare in Roma.

1849, 3 luglio: i Francesi entrano in Roma e  consegnano il potere della città al Papa.

1849, 6 agosto: Vittorio Emanuele II sottoscrive la pace con l’Austria, a Milano.

1849, 23 agosto: dopo lungo assedio di Venezia,  la Repubblica è costretta alla resa.

 

 

 

La colonna Camozzi

 

A Bergamo, il 22 marzo, avvengono alcuni disordini; Gabriele Camozzi, fratello di Giovanni Battista, che a Torino ricevette l’incarico di raccogliere a Brescia i volontari armati e predisporli in colonne mobili in grado di attaccare alle spalle il nemico, avuta notizia di quanto avveniva in Bergamo decise di dirigersi verso la città alla guida di 300 bersaglieri.

[…]In questo stato di cose s’appressava a Bergamo Gabriele Camozzi. Effettivamente egli si proponeva di organizzare la sollevazione nelle valli e poi di portarsi a Brescia. Nelle valli, specialmente in Val Brembana, aveva già preparato il terreno il fratel suo Giovanni Battista, accompagnato dall’Avv. Martino Milesi, da don Giovanni Battista Tiraboschi[18] e da Giovanni Noris. A Zogno erano stati ricevuti da Giacomo Pasquinelli, da Bortolo Belotti[19] avo nostro, da Paolo Zambelli e da altri, e a Lenna dai fratelli Mocchi[…].

 

Durante l’azione di reclutamento svolto dal Camozzi in alta valle, Gabriele Medolago riporta che, ad […]Olmo[20], un uomo di quel paese ridava sulla piazza che bisognava andare tutti a Bergamo a combattere il nemico, la moglie però pregò il Camozzi di farlo restare in paese perchè affetto da ernia inguinale che lo rendeva inabile a sopportare le fatiche di guerra. Questi lo chiamò a sé, ne lodò i generosi propositi e lo persuase a restare, ma egli, chiamati a sua volta due robusti giovanotti, suoi figli, disse loro: “Io non posso andare a Bergamo, ma andate voi. Ricordatevi che mancando a questo dovere in casa mia non troverete più polenta” […].

 

Bortolo Belotti[21] afferma che […]Anche ai moti bergamaschi del 1849 parteciparono numerosi valligiani, e con essi non pochi zognesi. Nella seconda metà di marzo era venuto in valle per farvi propaganda Giovanni Battista Camozzi (fratello di Gabriele), accompagnato da Giacomo Antonio David, caduto poi sotto le mura di Roma, da don Giovanni Battista Tiraboschi (sacerdote, professore di istruzione religiosa nell’I.R. Liceo di Bergamo), da Giovanni Noris e dallo Avv. Filippo Rossi; e, come a Zogno i patrioti erano stati ricevuti entusiasticamente da Giacomo Pasquinelli, da mio nonno Bortolo Belotti, da Paolo Zambelli[22], dal Risi e da altri, così come erano stati accolti con non minor fervore a San Giovanni Bianco dai Cavagnis, dai Luiselli, dai Morali e a Lenna dai fratelli Mocchi. Circa ottanta persone del distretto di Piazza e cinquanta di quello di Zogno si sollevarono e scesero a Bergamo, dove giunsero la notte del 26 marzo. A Bergamo peraltro erano arrivate le prime incerte notizie sulle sfortunate vicende della guerra; Gabriele Camozzi, che aveva organizzato un assalto alla Rocca, doveva abbandonarlo, e prendere partito per la difesa di Brescia sanguinosamente martoriata dall’infame Haynau. Non pochi dei nostri quindi fecero parte della gloriosa colonna Camozzi; e Zogno, che aveva avuto due dei suoi, Giuseppe Marconi e Francesco Traini, fra i volontari del 1848, fu rappresentato nella nuova rischiosa impresa da Emilio Mazzoleni, tenente, e dai militi Pietro Cortinovis, Alessandro e Francesco Ghisalberti, Giuseppe Marconi, Francesco Padovani, Giacomo Pasquinelli, Francesco Pesenti, e dai fratelli Francesco Giacinto e Zaverio Risi[…].

 

G. Pietro Galizzi sostiene che, oltre ai citati partecipanti ai moti del ’48, da San Pellegrino […]se ne sarebbero aggiunti altri dieci nel 1849, e cioè: Baroni Domenico fu Battista, Baroni Francesco detto Petal, Biava Carlo fu Evaristo, Danzola Bernardo fu Esposito, Gandi Domenico fu Angelo, Mazzoleni Rocco, Musitelli Gio. Batta, Orlandini Taddeo, Sonzogni Giuseppe fu Nicola e Tassi Giuseppe fu Antonio […].

 

Felice Astori[23], […]nel 1849 e precisamente il 16 gennaio era volontario nel 19° Reggimento Fanteria dell’Esercito piemontese composto da truppe lombarde e, dopo aver partecipato alla campagna del 1849, venne congedato il 9 maggio delle stesso anno[…].

 

Giuseppe Locatelli Milesi scrive che […]nella notte del 25 e 26 erano arrivati a Bergamo gli insorti di Val Brembana spinti per la fatica della marcia su una strada fangosa per pioggia quasi continua. Anzi uno fu portato all’ospedale. Il mattino del 26, lunedì, anch’essi vennero armati. Così attorno al Camozzi si erano raccolti più di un migliaio di uomini nessuno dei quali vestiva la divisa in quanto i Piemontesi non avevano fornito che armi e munizioni[…].

 

Il 25 marzo, Gabriele Camozzi, aggregati quindi i volontari raccolti dal fratello e tutti quelli spontaneamente accorsi in città, decise di dare l’assalto alla Rocca ma, non disponendo di pezzi d’artiglieria, e saputo della sconfitta subita dall’esercito piemontese a Novara,  sospese l’azione.

Dopo aver raccomandato il Municipio di Bergamo a non esporre i concittadini a terribili vendette e rappresaglie, cercando un  accordo con il capitano austriaco Plengmakers, Gabriele Camozzi, il 30 marzo, divisi i volontari in quattro colonne, lasciò Bergamo per portare aiuto agli insorti di Brescia ma, tra Ospitaletto e Brescia, fu intercettato dagli Austriaci.

Presi tra due fuochi, 35 volontari caddero sul campo e, altri 16,   furono fatti prigionieri.

Questi saranno poi giustiziati.

 

Nell’elenco dei caduti a Brescia, risulta la seguente nota: […]“dal 156 al 179 sono 24 giovani appartenenti alla Legione Camozzi e perciò sconosciuti perchè bergamaschi”…Nell’elenco dei fucilati al Castello, al numero 206 è annotato: “Dal n°206 al 221 sono cinque provinciali bresciani e undici bergamaschi della Legione Camozzi fucilati il 2-3-4 aprile al castello per ordine di Haynau[…].

 

Isaia Bonomi è riuscito a dare il nome ad uno di essi: […]Gentili Angelo di Giuseppe e di Tiraboschi Fantini Rosa, nato a Serina il 18 novembre 1828, abitante a Serina in Contrada S. Margherita[…]morto in difesa di Brescia[…].

 

I resti dei bergamaschi giustiziati a Brescia furono riesumati e seppelliti presso la Rocca di Bergamo dove una lapide così li ricorda: Ignotis militibus – I resti mortali – di Luigi Blondel svizzero d’origine – di sedici bergamaschi e quattro sconosciuti – fucilati il 16 aprile 1848 nella Fossa della Cervara in Trento – accolti onorati suffragati da un secolo nella tomba di Larher. – Bergamo – il 21 giugno 1948 ha qui deposto – pegno d’unione di due città sorelle – perenne ricordo – di tutti figli morti per la Patria.

 

Sono mandati, disarmati, per scherno, a Bergamo

 

Il 13 maggio 1849, a Zogno, il presidio della caserma dei gendarmi Austriaci  venne assalito, alcuni studiosi dicono da un gruppo di disertori, per appropriarsi delle armi dei soldati.

Al rifiuto del comandante di eseguire la consegna, ne seguì un conflitto a fuoco nel corso del quale rimase ferito il milite Baglieri che perirà poi presso l’ospedale di Bergamo.

Del delitto fu accusato Giacomo Pasquinelli; l’accusa insisteva che, il Pasquinelli, avesse sparato da casa sua posta proprio di fronte alla gendarmeria[24].

Gli occupanti, fatti prigionieri, depredati anche del vestiario, […]sono mandati, disarmati, per scherno a Bergamo, a recarne essi stessi la notizia ai loro superiori[…].

 

Complotti, dilazioni e repressioni

 

La Valle Brembana doveva costituire un serbatoio assai politicizzato dato che, ad ogni occasione, molti valligiani rispondono di volta in volta agli appelli lanciati da Garibaldi.

La cosa non passa indifferente agli occhi degli Austriaci i quali, il 26 aprile 1849, si rendono protagonisti di un’azione di ricognizione a tappeto di Valnegra.

Ecco cosa scrive ancora Carlo Calegari, protagonista oculare di quei fatti: […]Memoria della stagione di questo anno 25 detto è arrivata la neve sino qui a Valnegra ed il giorno 26 detto sono venuti li tedeschi in Valnegra a fare la pelustrazione alle case eran cinquanta uomini, cioè soldati ed affatto una pelustrazione severissima a tutte le case[…].

Non sarebbe inverosimile pensare che anche i paesi vicini, data la presenza in Lenna di un covo di attivisti  liberali che facevano capo ai fratelli Mocchi, non possano avere subito la medesima sorte.

Nel 1850, al medesimo trattamento furono sottoposti anche i paesi più sospetti e turbolenti, come Zogno.

 

Fra le reazioni degli Austriaci, fu senz’altro quella della ricerca di potenziali protagonisti dei moti.

A Zogno, […]il particolare stato d’animo della nostra popolazione dal ’48 in poi, è messo in luce dalle numerose denuncie contro gli abitanti del paese non escluso il parroco[25] ed i fabbriceri. Si parla con frequenza della Società del giuoco del bigliardo e delle pasquinate contro la Gendarmeria, contro il pretore del tempo ed anche contro Giacomo Pasquinelli che accettava il movimento di azione liberale[…].

In questi frangenti protagonisti ancora una volta, a Zogno, sono appunto “quei due”: Bortolo Belotti e Giacomo Pasquinelli.

Il primo, nel 1849, denunciato da una spia, […]aveva corso il pericolo della vita per aver nascosto, con la partecipazione dei due custodi Sonzogni (Lorenzo e Giovanni, padre e figlio, detti Simunèla), le armi nel timpano del cimitero in disubbidienza al bando austriaco che ne imponeva la consegna[…].

La pena capitale[26] per i soggetti a questa imputazione fu, da Bortolo Belotti, evitata solo grazie ad un atto di corruzione nei confronti dei funzionari[27].

Come racconta il nipote Bernardino, […]le due carabine erano state trafugate dai Grigioni ed una di esse nel ’66 servì a suo figlio Giuseppe, ferito e decorato di medaglia d’argento a Bezzecca[…].

Il secondo, il 19 maggio dello stesso anno, […]a Zogno veniva arrestato…e tenuto prigioniero nella caserma di S. Agostino[…] probabilmente a seguito delle arringhe tenute al piano del Maglio durante le quali, incitava all’insurrezione e alla resistenza contro gli Austriaci i suoi convalligiani ed anche per gli stretti rapporti che teneva con i fratelli Gabriele e Giovanni Battista Camozzi.

 

Franco Bianchi, nella sua pubblicazione scrive: a Carona, […]da un rapporto di un funzionario di polizia austriaca “…per quanto riguarda le cospirazioni non vi possono essere motivi di allarme. Gli uomini cantano, bevono, frequentano la chiesa e le osterie, pregano e bestemmiano, con la stessa facilità”. La polizia cercava soprattutto armi. Si era giunti perfino ad aprire alcune casse dei cadaveri nel piccolo sotterraneo antistante la chiesa vecchia[…].

 

Alla pena capitale, di cui non ci è dato sapere il motivo, non si sono sottratti, invece, un certo Omacini di Dossena giustiziato alle ore 11 antimeridiane del 26 settembre 1850 e, due giorni dopo, alle ore 10 antipomeridiane, di un Gotti di Brembilla.

Le esecuzioni sono avvenute presso la caserma di S. Agostino in Bergamo.

I due sono stati assistiti dal Reverendo Sacerdote Sig.r don Faustino Premerlani[28] f.f. di Cappellano delle Carceri al quale va il merito di averci trasmesso, seppur con una breve annotazione, la loro fine[29].

Il fatto che l’esecuzione sia avvenuta in Sant’Agostino ci rende dotti che la motivazione della condanna  fosse prettamente politica

Infatti, […]i condannati per crimini politici venivano passati per le armi sullo spalto di S. Agostino e precisamente a Levante del quartiere fra il muro di questo e il parapetto del bastione sopra la valletta della Morla[…].

I corpi di coloro che erano passati per le armi dagli Austriaci venivano poi sepolti nel cimitero di Valtesse.

 

Come abbiamo detto, coloro che venivano sorpresi in possesso di armi da fuoco rischiavano la pena capitale; […]il 20 agosto 1850 fu fucilato Antonio Pirola, 31 anni, falegname, abitante in San Vigilio, moglie e due figli, detto “il Garibaldi”. Arrestato “sui monti della Valle Brembana, dove si trovava ramingo avendo disertato da mesi, venne immediatamente tradotto a Bergamo e la sera stessa del suo arrivo mandato a morte. Lo vollero infamare come aggressore di strada, perchè lo avevano preso armato di fucile” […].

 

Fra tanti fatti angosciosi e tristi, può far sorridere il caso discusso presso la Pretura di Zogno nel marzo 1850 a causa di un […][…]furto di nove galline che certo Bortolo Ghisalberti asserisce di aver subito nella notte dal 21 al 22 febbraio, ad opera di militari, da investigazioni esperite non può essere imputato a persone del ceto militare[…]; la sua conclusione che[…]avverte il Ghisalberti di non permettersi ulteriori denunce, non provate, a carico di militari[…], lascia intendere lo spirito protettivo nei confronti delle truppe alloggiate.

 

Nell’agosto del 1850, sappiamo dell’arresto di Gio. Battista Cornolti di Poscante.

Così come alle autorità di quel tempo, in […]quanto essendo stato sciolto il battaglione dei Cacciatori stiriani sarà difficile rintracciare i sei soldati che ebbero parte nell’arresto[…]non è possibile conoscere la motivazione.

 

 Nel 1854, a causa del ritrovamento nella propria abitazione di un fucile da caccia, certo Giacomo Curti di Piazza fu arrestato.

 

Alla macchinosa azione austriaca che mirava ad eliminare protagonisti e sostenitori diretti o indiretti dei moti rivoluzionari, non rimasero immuni nemmeno i funzionari pubblici che, in qualche modo, durante l’insurrezione avevano simpatizzato con i sovversivi; sorte non troppo pesante, rispetto ad altri suoi colleghi, fortunatamente, è toccata al […]cancelliere della Pretura di Gandino Cesare Servadei che aveva preso parte ai moti del 1849, raccogliendo e armando alcuni di Gandino, e mandandoli a Bergamo, che nel 1850 fu traslocato a Zogno[…].

Il 5 febbraio 1850, lo scrivano della pretura di Piazza, Antonio Francesco Gozzi viene […]accusato di essere a capo di una società che si riuniva in un’osteria per tenervi discorsi politici ostili al governo. All’atto dell’arresto indossava una sciarpa tricolore sotto gli abiti. Una tradizione viva a Lenna racconta che Giuseppe Gozzi marito di Paola Gozzi e padre di Simone, Luigi, Martino, Carlo e Giuseppe, ardente filoitaliano[…]che, si dice, […]sarebbe stato deportato dagli austriaci[…].

 

Cipriano Milesi: da quasi un anno dovetti io pure emigrare

 

Molti volontari compromessi, per non incorrere nelle forme repressive messe in atto, dovettero cercare rifugio altrove.

Oltre che in territorio piemontese, numerosi  furono quelli che  andarono esuli nella vicina Svizzera.

Fra loro troviamo anche quel Cipriano Milesi che, scrivendo a Gabriele Camozzi l’8 agosto 1850 la lettera a cui abbiamo già fatto riferimento, dice: […]già da quasi un anno dovetti io pure emigrare[…]a Lugano per essere stato, come sappiamo, il promotore…dell’insurrezione in Valle Averara.

In quel luogo si trovava a gestire la Trattoria “Due Castelli”, chiamata comunemente l’ “Osteria dei Lombardi”.

Probabilmente, data anche la definizione, il luogo serviva da punto di riferimento e da ricovero per i fuoriusciti e, l’impegno economico per la loro assistenza doveva essere, per forza di cose, superiore alle possibilità dell’esercente il quale afferma di essere indebitato e, […]senza mezzi di sussistenza, mi tocca sempre di lasciaci del pelo per cui se non ritrovo aiuto mi vedo costretto a soccombere[…].

 

 La popolazione…convalescente avviata alla guarigione

 

Il 9 gennaio 1850, […]la Delegazione di Bergamo comunicava al comando militare di Milano che lo spirito pubblico si avviava alla normalità; che nella grande massa dei traviati dai rivolgimenti politici passati, essa riteneva esservi una classe numerosa non corrotta, ma allucinata dalla parola “indipendenza”, però ormai ricreduta e liberata dalle utopie. La popolazione bergamasca quindi, secondo il delegato, era come una convalescente avviata alla guarigione e a ritornare integra, coraggiosa e franca nel combattere a viso aperto i nemici dell’ordine…Con maggiore esattezza però il comando militare riferiva (16 gennaio 1850) che nel pubblico ritornava la calma, più che per soddisfazione dell’attuale stato di cose, per rassegnazione e sentimento d’impotenza[…].

 

Ma, come si suol dire, sotto la cenere, covava la brace; all’apparente tranquillità faceva riscontro l’ardore mai spento per l’indipendenza.

Certamente tutto avveniva con avvedutezza e circospezione, cautela e prudenza e, non senza timori e paure.

Come si potrebbe pensare che, nella nostra Valle, i protagonisti di quelle gloriose gesta che abbiamo appena raccontato, si fossero rassegnati e sottomessi.

A tale proposito, purtroppo, non si sono effettuati degli studi specifici e, quindi, dobbiamo affidarci all’ufficialità della storia.

 

L’intervento in Crimea e la seconda guerra d’Indipendenza

 

1852: Camillo Benso conte di Cavour è nominato  Presidente del Consiglio dei ministri e Ministro delle finanze del Regno di Sardegna.

1853: guerra di Crimea.

1854: Cavour invia truppe a sostegno dell’alleanza franco-turco-inglese contro l’impero russo.

1856: i Russi sono costretti alla resa e, il Regno di Sardegna, è chiamato a sedere al tavolo dei vincitori al Congresso di Parigi.

 

La guerra di Crimea vide la partecipazione dell’esercito piemontese; Carlo Calvi di Giuseppe, originario di Moio de’ Calvi, fece parte della spedizione agli ordini del generale Alfonso La Marmora.

 

1857, 13 gennaio: l’imperatore Francesco Giuseppe visita Bergamo per l’ultima volta.

1858: accordi di Plombières. Intesa segreta del Regno di Sardegna con i Francesi.

1858, gennaio: attentato a Napoleone III, re di Francia.

1859, 26 aprile: l’Imperatore d’Austria dichiara guerra al Regno di Sardegna.

1859, 29 aprile: inizio della seconda guerra d’Indipendenza. Gli Austriaci varcano il Ticino.

1859, 30 aprile: viene occupata Novara e successivamente Mortara e, più a nord, Gozzano.

1859, 12 maggio: Napoleone III sbarca a Genova e si dirige a Novara per assumere il comando dell’esercito franco-piemontese.

1859, 20/21 maggio: gli alleati fermano gli Austriaci a Montebello.

1859, 23 maggio: vittoria dei garibaldini a S. Fermo.

1859, 31 maggio: i franco-piemontesi riportano la vittoria nella battaglia di Palestro. Allo scontro partecipò anche Vittorio Emanuele II al quale era stato affidato un reggimento degli zuavi.

1859, 2 giugno: i Francesi, varcato il Ticino battono gli avversari a Turbigo.

 

 

A Plombières, Cavour strinse con Napoleone III degli accordi segreti che prevedevano che la Francia sarebbe intervenuta nel caso che l’Austria avesse dichiarato guerra al Regno di Sardegna e, come compenso, avrebbe avuto in cambio Nizza e Savoia.

Per avvalersi dell’appoggio francese bisognava quindi forzare l’Austria a compiere il primo passo per un eventuale conflitto.

Fu così che Cavour dispose, lungo i confini oltre che reparti effettivi dell’esercito piemontese, anche truppe di volontari provenienti da tutta l’Italia.

Nel marzo 1859, a Garibaldi, rientrato in Italia, fu affidato il comando di un corpo di volontari, i Cacciatori delle Alpi, consentendo l’arruolamento dei fuorusciti dal Lombardo-Veneto controllato dagli Austriaci, che si univa così alle cinque Divisioni regolari dell’esercito piemontese alle dipendenze del Ministero della Guerra.

Furono istituiti centri di raccolta Cuneo, Savigliano ed Acqui e, alla guida dei Reggimenti, furono nominati Enrico Cosenz, Giacomo Medici e Nicola Ardoino.

 

Alcuni dei nostri Paesi si attivarono a favorire la costituzione di questa nuova formazione.

Zogno, ad esempio, […]per incoraggiare viepiù i giovani volontarj ad assegnarsi al Corpo dei Cacciatori delle Alpi la scrivente Deputazione comunale ebbe a disporre a favore dei medesimi una gratificazione a carico comunale, e venendo questa corrisposta dal Deputato Sig. Mazzoleni Bartolomeo agli cinque individui[…].

 

Nel frattempo, in un discorso accorato, re Vittorio Emanuele II si esprimeva affermando che i Piemontesi non erano […]insensibili al grido di dolore che da tante parti d’Italia si leva verso di noi[...].

L’Austria, sentendosi minacciata e offesa, si slanciò nell’azione tanto attesa dai Piemontesi e il 29 aprile 1859 ebbe inizio la seconda guerra d’Indipendenza.

L’esercito franco-piemontese ottenne rapide vittorie a Palestro e a Magenta.

Dopo la sconfitta di Magenta  l’esercito austriaco si ritirò verso est, inseguito dall’esercito franco-piemontese. Lo stesso Francesco Giuseppe venne personalmente in Italia per prendere il comando delle truppe, rimuovendo dall’incarico il generale Gyulai, considerato colpevole della sconfitta precedente.

 

I Cacciatori delle Alpi, sotto la guida di Garibaldi, intanto, avevano aperto un nuovo fronte di combattimento più a nord.

Importante successo fu riportato dai Cacciatori delle Alpi il 23 maggio 1859 a S. Fermo.

Fra i combattenti si trovava anche Mosè Torricella[30] il quale, a seguito del suo meritevole comportamento, ottenne una decorazione.

 

Dopo la presa delle città di Como, Lecco e Varese, si diressero verso Bergamo; attraverso la Valle San Martino, il 7 giugno, giunti a Caprino presero la direzione per Villa d’Almè[31]  dove, ad attenderli, c’erano i volontari della Valle Brembana e, il giorno successivo, fecero il loro ingresso in Bergamo.

La marcia riprese puntando su Brescia, con l’intento di proseguire verso il lago di Garda e poi per il Trentino.

Fra loro si scrive ci fossero gli zognesi Francesco Bonetti[32], Barnaba Gamba[33], Carlo Marconi[34], Vittorio Moroni[35], Achille, Agostino[36] e Annibale Pasquinelli, Francesco e Giacinto Risi oltre ai sangiovannesi Carlo Leporini (S. Gallo) e Mosè Torricella e Antonio Pietrasanta di San Pellegrino.

Alcuni di loro saranno poi con Garibaldi in Sicilia e nella successiva campagna del 1866.

 

Da un documento, datato 24 febbraio 1859, apprendiamo la morte del soldato Pietro Sonzogni di Zogno,  a servizio dell’Austria, ascritto al reggimento Barone Alemann leva 1858 in Terescenstad.

 

Chi invece svolse il suo servizio nell’esercito austriaco durante la seconda guerra d’Indipendenza è stato Bartolomeo Losma di Lenna appartenente al 43° Reggimento di Fanteria Barone Alemann  che aveva la sua sede in Bergamo ed era costituito i gran parte da coscritti del Lombardo-Veneto.

Di questa unità militare faceva pure parte, nel 1858, Carminati Domenico d’anni 23 da Ubiale ora caporale dell’I.R. Reggimento C.te Halleman.

Non sappiamo se ancora, in occasione della terza Guerra d’Indipendenza durante la quale il 43° Rgt. Fanteria Barone Alemann era incorporato nella Brigata del Colonnello Toply del VII Corpo d’armata, essi fossero regolarmente nelle file dell’esercito austriaco.

 

La Croce Rossa: “Tutti Fratelli”

 

[...]Lo svizzero Henry Dunant, giunto il giorno della battaglia, vista la terribile carneficina e l’impotenza di fronte alla disorganizzazione con cui furono portati i soccorsi, rimase fortemente impressionato. Agì quindi per organizzare un minimo attività di assistenza, che venne data mediante il trasporto dei feriti presso il Duomo di Castiglione delle Stiviere e lì, con l’aiuto della popolazione, vennero prestati soccorsi a tutti i feriti, senza riguardo alla divisa indossata, avendo come riferimento il motto “Tutti Fratelli”. In seguito scrisse e pubblicò a sue spese il libro “Un souvenire da Solferino” e fondò la Croce Rossa Internazionale. Per la sua attività e le sue idee venne insignito del primo Premio Nobel per la Pace nell’anno 1901[...].

 

Giuseppina Savi…tre piccoli figli…in uno stato economico il più ristrettissimo

 

Henry Dunant, dal dolore e dalla sofferenza dei feriti sui campi di battaglia dopo la strage a cui ebbe modo di assistere a Solferino, alleviati, confortati e rianimati dalle amorevoli cure a cui si prodigarono non solo gli operatori sanitari ma pure innumerevoli volontarie che si prestarono nell’assistenza, prese spunto per dare vita a quella che è la Croce Rossa.

Ci fa piacere trattare l’argomento in quanto anche in questa occasione Sedrina, seppur con un legame molto flebile, rimarca il suo spirito solidale nei confronti dei grandi temi che hanno costellato questo scorcio dell’Ottocento.

Abbiamo precedentemente avuto modo di parlare della partecipazione del dottor Febo Ronzoni a sostegno dei feriti in occasione dei moti del 1848 ed ora, a salire agli onori della storia è la moglie, Giuseppina Savi.

Proprio il legame con Febo ci fa ritenere Giuseppina una di noi.

La solidarietà è un dono che non si acquista; probabilmente era innato negli spiriti di entrambi i coniugi e, assieme lo hanno sviluppato, consolidato e, infine, a scapito di ogni difficoltà, espresso con il loro operato.

Il marito, dalla sua attività professionale, non ha tratto profitto tanto che alla sua morte, avvenuta come abbiamo riferito nel 1858, ha lascito Giuseppina e […]tre piccoli figli…in uno stato economico il più ristrettissimo[…].

 

 

Giuseppina Savi nel 1859 dopo la giornata di Solferino prestavasi gratuitamente

in altro di questi Spedali

 

Le battaglie fra i contendenti  furono cruente e sanguinose; i morti  giacevano in ogni dove e gli innumerevoli feriti  vennero raccolti e inviati nei presidi sanitari dove, i soli medici e paramedici, non riuscivano a fronteggiare l’emergenza.

Roberto Ganzoni, cugino di Antonio Curò, scrivendo da Bergamo a Giovanni Reichmann il 3/4 luglio 1859 dice: […]Nella settimana scorsa giunsero qui ben tremila feriti. Molti di questi infelici sono assai malconci, ma tutti portano il loro dolore con coraggio eroico. I feriti nemici si spediscono a Milano ove sono trattati con commovente generosità. Qui abbiamo 10 ospitali tutti zeppi. Tutta la popolazione si presta con ammirabile zelo. Egli è veramente commovente a vedere con quale gratitudine quei Francesi e Piemontesi accettano le cure prodigate loro[…].

 

Fra loro si trova anche Giuseppina; nonostante tutte le difficoltà che l’affliggono personalmente, ella presta la sua opera preziosa a sostegno dei feriti, meritandosi il ricordo, il plauso e l’encomio del Comune di Bergamo, attraverso l’autorevolezza nientemeno che di G. Battista Camozzi.

Egli, nella già citata certificazione fatta per Febo aggiunge: […]Certificasi altresì che la di lui vedova Giuseppina Savi nel 1859 dopo la giornata di Solferino prestavasi gratuitamente in altro di questi Spedali alla cura dei Feriti delle Armate Alleate e che essa fu una di quelle che maggiormente si distinsero per zelo indefesso e patriotica carità. Il presente, si rilascia allo scopo che possa valersene onde richiedere il collocamento del figlio Evaristo Ronzoni in uno dei Collegi Militari del Regno[…].

 

L’unificazione nazionale

 

Se al nord, escluso il Veneto, il territorio si stava compattando attorno al Regno di Sardegna, al centro-sud la situazione era stabilizzata dalla presenza papalina e dai Borboni.

Il progetto dell’unificazione nazionale, sviluppato soprattutto dai patrioti, poneva quindi la questione della liberazione della parte meridionale del paese.

Più intraprendenti, in questo senso, apparivano gli aderenti al Partito d’azione che propendevano per un intervento a tutti i costi.

In loro si identificava Giuseppe Garibaldi che ne costituiva lo spirito guida.

Di contro, i moderati, specialmente coloro che rivestivano cariche di governo del Paese, fra i quali anche Camillo Benso Conte di Cavour, preoccupati a non dare adito ad eventuali intromissioni da parte di potenze straniere, mantenevano una posizione più attendista.

A scuotere gli animi è la rivolta che nell’aprile del 1860 scoppiata a Palermo; l’insurrezione viene presto soffocata dalle forze borboniche.

Tuttavia i rivoltosi non demordono e, casi di insofferenza, si estendono lentamente per l’isola siciliana.

Già in precedenza le spedizioni guidate dai fratelli Bandiera nel 1844 e da Carlo Pisacane nel 1857, si conclusero  senza successo e quindi, in questo caso, la prudenza dei moderati  trovò terreno fertile per non affrettare un eventuale immediato intervento.

Francesco Crispi ardente patriota siciliano, prende contatti con Giuseppe Garibaldi informandolo della situazione.

Garibaldi non perde l’occasione tanto agognata e, incurante di ogni timore, nel volgere di breve tempo organizza i volontari nel corpo dei Cacciatori delle Alpi.

 

Bergamo risponde a Garibaldi

 

[…]E’ questo l’avvenimento storico che vide nel 1860 Bergamo protagonista assoluta nella entusiastica gara di solidarietà e partecipazione ai fatti che segnarono definitivamente l’unificazione dell’Italia.

Così il Sylva ci introduce all’argomento: “era da pochi giorni oltrepassato il 20 de l’aprile 1860 adunque, quando fra la studentesca di Bergamo s’incominciò a bisbigliare che si stesse preparando una spedizione di soccorso a la Sicilia insorta, e che, in gran segreto, si fossero già cominciati anche tra di noi gli arruolamenti, ad opera di Francesco Nullo[37] e di Francesco Cucchi, i quali ne avevano avuto l’incarico da Garibaldi, che, dicevasi, quell’impresa avrebbe capitanata…nel teatrino di filodrammatici, che allora esisteva nel vecchio fabbricone in fondo a destra di via Borfuro, andando verso Sant’Alessandro…si era stabilito l’«Ufficio», per mo’ di dire, di arruolamento per la Sicilia. La lieta notizia volò rapida fra di noi, e perciò fu un subito accorrere a la spicciolata, al luogo indicato, di giovani dai 16 anni in su…conoscendo essi quasi tutti di persona, non accettavano se non quelli che, a loro giudizio, offrivano i migliori requisiti, di età e di robustezza, per una simile straordinaria impresa”[…]La notte fra il 3 ed il 4 maggio 1860 dalla stazione ferroviaria di Bergamo salivano sul treno per Milano oltre 200 persone.

La sosta a Milano servì ai due responsabili per scremare la comitiva dai molti estranei che, profittando dell’oscurità, si erano infiltrati.

A Bergamo vennero fatti rientrare tutti coloro che erano ritenuti  fisicamente inidonei oppure troppo giovani per prendere parte alla spedizione[…].

 

Fra loro ci doveva essere anche il giovanissimo Mosè Torricella  che abbiamo già visto precedentemente, il quale, […]superata la licenza liceale nel Collegio di S. Alessandro, nel 1859 si arruola nel Corpo dei Cacciatori delle Alpi, combatte a S. Fermo, Varese e Como e vi si distingue: ha per compagni A. Pasquinelli, Trezzini, Bassani, Nullo, Cucchi, Piccinini e Airoldi, che lo ebbero poi amico carissimo. Occupato nel 1860 nella farmacia Maj di Sarnico, si propone di far parte della spedizione dei Mille: fu un progetto sfortunato, chè, scoperta la fuga del giovane diciassettenne, viene ricondotto, a furia di scappellotti, a rimestare la polpa cassia che aveva abbandonato al fuoco. Non pianse gli scappellotti, ma rimpianse sempre la mancata sua presenza tra i fortunati volontari[…].

 

Da Quarto a Marsala

 

1860, 5-6 maggio: da Quarto, Giuseppe Garibaldi con circa mille garibaldini, parte verso la Sicilia sulle navi Piemonte e Lombardo.

 

[...]Nella serata del 4 maggio i volontari bergamaschi  ripresero il treno  per Genova dove scesero presso la stazione Principe, nelle prime ore del giorno 5 maggio. Da Quarto poi, i seguaci di Garibaldi che erano giunti da  ogni dove,, dopo essersi sistemati a bordo dei piroscafi “Piemonte”, comandato da Giuseppe Garibaldi e “Lombardo”, condotto da Nino Bixio, sul quale salirono i bergamaschi[…]salparono all’alba del giorno 6 maggio con meta la Sicilia. Il giorno appresso, a Talomone, dopo un rapido rifornimento, organizzata la colonna Zambianchi che doveva operare sulla terraferma un’azione diversiva e formate le otto compagnie che costituivano il corpo di spedizione, i garibaldini ripresero la via del mare. Al comando dell’VIIICompagnia, formata dai bergamaschi, fu nominato il pavese Angelo Bassini coadiuvato dai due sottocomandanti Vittore Tasca e Luigi Dall’Ovo mentre a Enrico Calderini, Daniele Piccinini, Enrico Bassani e Giacobbe Parpani[38] toccò, nell’ordine, il comando delle quattro squadre che costituivano la Compagnia.

L’VIIIa Compagnia[…]probabilmente con il garibaldino sedrinese Carlo Antonio Zanetti, “ebbe l’invidiata fortuna, insieme alla settima, d’essere destinata sul Piemonte, a godervi quindi, per quasi tre giorni, la vista estasiante del Duce”[…].

 

1860, 11 maggio: sbarco a Marsala.

1860, 14 maggio: Garibaldi, a Salemi, assume la dittatura della Sicilia in nome e per conto di Vittorio Emanuele II re d’Italia.

1860, 15 maggio: battaglia di Calatafimi conclusa con la sconfitta dei borboni.

1860, 27/30 maggio: liberazione di Palermo sostenuta da anche da un’insurrezione interna. Viene formato un governo provvisorio con a capo Francesco Crispi.

1860, 20 luglio: vittoria garibaldina a Milazzo.

1860, 20 agosto: i garibaldini, da Messina, si trasferiscono sulla terraferma.

1860, 7 settembre: Garibaldi ed i suoi volontari entrano in Napoli, lasciata il giorno prima dal giovane Re Francesco II rifugiatosi nella fortezza di Gaeta.

1860, 18 settembre: a Castelfidardo, nelle Marche, si affrontano gli eserciti piemontese, sceso per unirsi a Garibaldi, e pontificio che si opponeva al passaggio sul suo territorio.

1860, 2 ottobre: i Borboni vengono sconfitti dai Piemontesi nella battaglia del Volturno.

1860, 21 ottobre: a Napoli si svolge il plebiscito per l’annessione dell’ex regno campano al regno d’Italia.

1860, 22 ottobre: la Sicilia chiede l’annessione al Regno d’Italia.

1860, 26 ottobre: a Teano, nei pressi di Caserta, Giuseppe Garibaldi incontra il Re Vittorio Emanuele II. Il corpo dei Cacciatori delle Alpi viene sciolto e Garibaldi si ritira nell’isola di Caprera in Sardegna.

1861, 27 gennaio: viene eletto il primo Parlamento nazionale.

1861: viene debellato l’ultimo focolaio di resistenza a Gaeta.

1861, 17 marzo: il Parlamento, riunito a Torino, proclama la nascita del Regno d’Italia sotto la Monarchia dei Savoia. Non fanno ancora parte del Regno d’Italia il Veneto, sotto il dominio dell’Austria, e il Lazio, governato dal Papa. Roma è proclamata capitale d’Italia.

1861, giugno: muore Camillo Benso conte di Cavour.

 

 

 I Bergamaschi dei Mille

 

[…]Gli eventi del ’59 furono l’ideale introduzione ai fatti memorabili dell’anno dopo, al quale diedero vasto contributo d’uomini anche modesti Comuni delle Valli, come Alzano Lombardo e Zogno, che arruolarono rispettivamente quattro e cinque garibaldini dei Mille. Essi erano tra i più cari al Generale, che ne volle immortalare uno nel suo romanzo storico “I Mille”, del quale fece protagonista con Francesco Nullo il generoso spirito bizzarro Daniele Piccinini di Pradalunga. Dei cacciatori delle Alpi circa settanta entrarono nella schiera dei Mille che nel 1860 liberò il Mezzogiorno d’Italia. L’arruolamento per la spedizione in Sicilia iniziò in Bergamo il 20 aprile e fu così tumultuosamente largo da superare quello di ogni altra città italiana; sembrò più ad una leva di soldati di tutte le età, che ad uno sporadico accorrere di volontari. Sul treno che partì dalla città il 3 maggio, salirono 300 uomini dai 14 ai 48 anni, cioè più dei 180 che erano stati precedentemente selezionati. A Milano gli arruolatori rimandarono i malandati in salute ed i giovanissimi, che numerosi, tuttavia entrarono a far parte dell’VIII Compagnia, costituitasi a Talomone: 55 erano al di sotto dei vent’anni e fra questi una ventina di 13, 15, 16 e 17 anni. C’erano circa 80 operai ed artigiani; 35 fra intellettuali, artisti e impiegati; una trentina si studenti ed una ventina di agiati possidenti, esercitanti un’industria o il commercio. Li comandava il pavese Angelo Bassini, che aveva ai suoi ordini alcuni dei bei nomi del patriottismo bergamasco, tra i quali Daniele Piccinini, Francesco Cucchi, Vittore Tasca, Luigi Enrico Dall’Ovo[…].

 

Un rapporto più dettagliato della composizione dei bergamaschi all’interno della spedizione ci viene da uno dei principali protagonisti, Guido Sylva, che così lascia scritto: […]La sera del 3 maggio 1860, eravamo partiti da Bergamo in un numero inverosimile, che poi a Milano, in seguito a giudiziosa selezione, venne ridotto al più prudente numero di 212, divenuto poi di 215 a Genova, e che vuolsi ripartire come appresso:

N°112 de la città;

N°  44 de la provincia;

N°  10 appartenenti a province diverse[…];

N°  2 Isnenghi Enrico, da Rovereto e Sartorio Pietro Giovanni Battista, da Levico;

Questi ultimi 12 erano da molto anni residenti a Bergamo, e bergamaschi divenuti per elezione.

N°  44 appartenenti alle province Venete e di Mantova, rimasti a Bergamo dopo la pace di Villafranca[…];

N° 3 ritardatari, due da Bergamo e l’altro de la provincia, che si aggiunsero a Genova;

N°215 numero totale di quanti s’imbarcarono effettivamente a Quarto, un po’ su l’un piroscafo, un po’ su l’altro[…].

 

Sul numero dei valbrembanini che s’imbarcarono a Quarto, i dati più attendibili ci provengono da Alberto Agazzi il quale elenca oltre che Carlo Antonio anche altri due volontari di San Pellegrino[39] e cinque di Zogno[40].

Decisamente inesatto è, quindi, quanto scrivono Bottani, Arrigoni e Riceputi[41] dove danno fra i partecipanti alla spedizione ben due volontari di Sedrina e uno di S. Pellegrino.

Due volontari, anch’essi di Zogno, Carlo Marconi e Pietro Cortinovis, giunsero a Quarto quando oramai i compagni erano già salpati e quindi dovettero rinunciare alla spedizione.

 

Carlo Antonio Zanetti, uno dei Mille

 

Il padre Antonio (nato a Trieste il 6 maggio 1814 dall’unione di Giovanni con Maria Bacajamca), si è unito in matrimonio il 19 febbraio 1834 con Margherita Zanchi, originaria di Grumello de’ Zanchi.

Dal matrimonio sono nati: Maria, il 15 gennaio 1836; Giovanni Antonio, il 15 settembre 1839; Carlo Antonio, il 24 novembre 1840; Giovanna, il 25 maggio 1844; Giuseppe, il 2 febbraio 1847; Antonio, il 6 novembre 1848; Ermilia (o Erminia), il 20 febbraio 1852.

Confermando che egli è nato a Sedrina il 24 novembre 1840 da Antonio e Margherita Zanchi, apprendiamo che la famiglia risiedeva nello stesso paese in Via Sotto Via 44, quella che, attualmente, porta il nome di Via 4 Novembre.

Attualmente l’abitazione ha l’ingresso non più a valle ma a monte, sulla via principale del paese, Via Roma, e nella quale abitano ancora i discendenti di Carlo Antonio. Nel 1852 era studente del primo corso di grammatica nel nostro Ginnasio I.R. Liceo “Paolo Sarpi” di Bergamo. Nello stesso anno, il 16 ottobre, muore la mamma di Carlo Antonio, Margherita Zanchi, […]in casa propria, per infiammazione al fegato[…]. Completati gli studi ginnasiali, si iscrive all’università. Le scuole rappresentavano la palestra ideologica nelle quali i giovani studenti formavano i loro princìpi ideologici. A Bergamo, fra i fautori del nuovo pensiero, va ricordato don Giovanni Battista Tiraboschi, professore di istruzione religiosa nell’I.R. Liceo di Bergamo, istituto presso il quale si erano istruiti numerosi di quei  garibaldini che lasciarono gli studi intrapresi presso le Università di Pavia e di Padova per unirsi ai volontari di Garibaldi.

Così avvenne anche per Carlo Antonio il quale, appena ventenne, […]nel 1860, abbandonando gli studi di farmacia appena intrapresi, partecipò alla Spedizione dei Mille nell’8 a “Compagnia di ferro” dei Bergamaschi… delle Alpi – ora in Sicilia con Garibaldi” […].

 

Delle sue vicissitudini con Garibaldi, purtroppo, non ci è pervenuta nessuna memoria.

 

…trovasi quivi in seno alla propria famiglia

 

Carlo Antonio dopo essere stato congedato il 6 dicembre 1860 a Marcianise, rientra in famiglia.

A conferma di ciò, potrebbe risultare la lettera del Sindaco di Sedrina Vitali, purtroppo senza data, inviata al R. Governo della Provincia nella quale si legge: Il sottoscritto si reca a dovere di partecipare a codesto Regio Governo il rimpatrio testè avvenuto del Coscritto Zanetti Carlo Antonio del Comune di Sedrina avente il N°175 d’estrazione per la leva 1860 che fu ora congedato dal Corpo dei Volontari Cacciatori delle Alpi, il quale trovasi quivi in seno alla propria famiglia, disposto a presentarsi a codesto R. Governo ad ogni anno onde adempiere agli obblighi Coscrizionali.

Dai Registri di Leva del Comune di Sedrina per l’anno 1860, redatta per il Mandamento di Zogno il 6 dicembre, Carlo Antonio con il numero 175 d’estrazione, viene dichiarato abile assieme a Giovanni Antonio Fustinoni, Forte Fortunato Esposito, Pietro Marchesi e Pietro Zanetti.

Il 21 dello stesso mese, al Sindaco di Sedrina giunge il documento di […]ammissione a visita dell’inscritto Carlo Antonio Zanetti nel quale si dice: Riscontrando alla nota del Sindaco di Sedrina in margine indicata, il sottoscritto gli partecipa che l’inscritto Zanetti Carlo Antonio N°175 d’estrazione, può presentarsi alla seduta del Consiglio li 5 gennajo prossimo munito dei voluti documenti ove creda aver diritto all’esenzione, e accompagnato dal Segretario Comunale. Il Vice Governatore Marco[…].

Il motivo che spingeva Carlo Antonio ad avvalersi di un eventuale diritto all’esenzione è forse da condursi al fatto che egli era intenzionato a riprendere gli studi universitari interrotti per porsi al seguito di Garibaldi.

Ma le autorità furono, con lui, inflessibili.

Il 25 marzo 1872,  Carlo Antonio, che dai registri comunali viene indicato come possidente, si trasferì a Zogno dove fu proprietario di una drogheria centrale fino al 1886, nel quale anno si trasferì a Bergamo. L’Elenco 1878 lo dà possidente. Aveva sposato certa Silvia Bettinelli, figlia del medico di Poscante.

Effettivamente Carlo Antonio sposò nella parrocchiale di Poscante, il 24 gennaio 1876, Maria Caterina Teodora Silvia, figlia del dottor Giuseppe Bettinelli e Giovanna Zanchi, nata l’8 aprile 1853.

Da questa unione nasceva il 28 ottobre 1883, a Zogno, Antonio Giuseppe Edoardo.

Dopo il trasferimento a Bergamo, dove risulta risiedere in Via Broseta N.36, la coppia ha altri due figli: Cesare Antonio Roberto (10 novembre 1886 e morto a Zogno il 10 aprile 1888) e Ida Margherita (15 settembre 1888) sposatasi con Oreste Paneiera di Lugano il 1° luglio 1911.

 

Si desidera conoscere specialmente maternità e morte

 

Accertata è la maternità di Carlo Antonio, mentre dubbia, negli studi richiamati, è la data della sua morte.

Gianni Gervasoni lo dice morto tra il 1885 e il 1910; l’incaricato del Comune di Sedrina scriveva al Belotti che è morto a Bergamo verso il 1895 così come Alberto Agazzi il quale afferma che egli, a Bergamo morì, circa il 1895. Nello stesso errore sull’anno del decesso incorse anche Felice Riceputi. Ad avanzare che sia morto a Bergamo l’11 aprile 1892 è, invece, lo studioso Germano Bevilacqua

Dalla ricerca finora condotta possiamo riferire che L’Eco di Bergamo del 3 aprile 1892 annunciava: Zanetti Carlo, 51, Regio pensionato Via S. Alessandro morto a domicilio. A porre definitivamente fine al quesito è stata la ricerca presso l’archivio comunale di Bergamo attraverso il quale apprendiamo l’esatta data del decesso: 1 aprile 1892.

Una ulteriore notizia raccolta è, che al momento della morte, gli sopravviveva la moglie Maria Caterina Teodora Silvia Bettinelli.

 

Essi ebbero, pure, importanza spesso determinante nelle vicende belliche

 

Altri volontari, in altre sei spedizioni[42] avvenute successivamente a quella guidata da Garibaldi, scesero al sud aggregandosi alle formazioni garibaldine.

Bianca Montale, in un suo saggio, lascia detto che […]se esiste l’elenco dei Mille di Marsala e non mancano indicazioni biografiche, peraltro spesso incomplete, relative a molti di essi, non abbiamo, in generale, dati precisi e completi riguardanti i componenti delle successive spedizioni. Essi ebbero, pure, importanza spesso determinante nelle vicende belliche di Milazzo sino alle battaglie di ottobre[…].

L’autrice, cura un elenco di questo corpo dove, fra altri, compare Bacchetti Costantino, di Gerolamo e di Giovanna Cocconi, nato a Lenna, anni 19, Bergamo, farmacista, arruolato 15 agosto, caporale, 2a compagnia.

G. Pietro Galizzi dichiara di aver avuta la segnalazione da un carteggio esaminato, la presenza fra i Mille anche di [….]Tassi Francesco di San Pellegrino Terme poi carabiniere, che però non compare nel volume “Le 180 biografie dei Bergamaschi dei Mille”, un elenco ufficiale a cura di Alberto Agazzi, edito nel 1960.[…].

 

Ad un altro garibaldino dei Mille, non presente negli elenchi ufficiali, e di cui non vengono riferite le generalità, accenna Vittorio Muttoni.

Egli infatti lascia scritto che con Garibaldi, […]erano tra i suoi anche giovani volontari dei nostri paesi: si sa con certezza di un garibaldino di Bracca, Agostino Pasquinelli, e uno di Ascensione, i quali dalla Sicilia, dove allora si trovavano impegnati nell’epica impresa dei Mille, inviarono lettere alle loro famiglie[…].

 

Come pure è irresoluto, per quanto riguarda l’attività svolta, il caso riguardante il soldato Cavagnis Baratelli Giuseppe q. Giacomo di Zogno.

Di lui sappiamo che nel 1860 era munito di congedo del Comando del Reggimento reduce Lom.-Veneto sotto il Generale Garibaldi in Napoli il quale ebbe a disertare il 18 agosto p.p. in Genova dal 21° Reggimento Fanteria Battaglione Cremona.

Il fatto, frutto di una incomprensione, si risolse dopo il suo arresto avvenuto nel suo paese d’origine nella notte dal 14 al 15 corrente a mezzo di questi Reali Carabinieri.

Un documento, datato 16 dicembre 1860, racconta che […]appena giunto dalla sua diserzione in Sicilia presso il Corpo dei volontari Garibaldi, presentavasi sommesso a farsi riconoscere dal sindaco, e ad implorare venia dell’avvenuto. Che ottenuto il perdono della diserzione per munificenza del Re, come da pregiato rescritto 15 novembre p.p. di questo comando, e significato allo stesso l’ordine di ritorno all’Armata[…].

Con il Cavagnis, probabilmente si trovava anche Pacchiana Giovanni che, in data 18 gennaio 1861, era dislocato presso il 5° Corpo d’Armata ora in Napoli

 

Tarcisio Salvetti, uomo di cultura che ha dedicato gran parte della sua vita allo studio del suo paese, San Giovanni Bianco, afferma che […]di fronte a tutti questi avvenimenti il grosso della popolazione di San Giovanni Bianco era rimasto pressochè indifferente. Coloro, infatti, che non facevano mistero dei loro sentimenti antiaustriaci erano pochissimi e appartenevano, principalmente, alle famiglie più in vista del paese. Per quanto riguarda il nuovo assetto politico e amministrativo, la provincia di Bergamo venne ripartita in tre “Circondari” (Bergamo – Treviglio – Clusone), suddivisi a loro volta in “Mandamenti”. La Valle Brembana fu inclusa nel Circondario di Bergamo e divenne sede di due Mandamenti, quello di Zogno (IV) e di Piazza (X)[…].

 

Il Veneto e il Lazio

 

Fra i numerosi problemi che arrovellavano il nuovo Regno d’Italia, di non poco conto era quello del completamento dell’unificazione territoriale: all’appello mancava il Veneto, in mano all’Austria, e il Lazio con Roma, sotto la guida del Papa Pio IX e presidiata da forze francesi.

Affrontare di petto gli Austriaci, data la loro potenza militare, era considerato una sorta di suicidio mentre per quanto riguardava i rapporti con il Papato si pensava alla formula libera Chiesa in libero Stato elaborata da Cavour.

Pio IX, però, ricusava l’idea sostenendo che senza un suo Stato indipendente, il Papato non  avrebbe potuto essere pienamente libero di esercitare la sua missione.

A nulla valsero i tentativi di accordo pacifico per risolvere la questione romana e, l’avversione nei confronti del Papa e Napoleone III andavano aumentando, alimentata dal Partito d’azione – animato soprattutto da Mazzini e Garibaldi – sostenitore della necessità di liberare il Veneto e giungere a Roma, anche a costo dell’uso delle armi.

Alla guida del governo, dopo la morte del conte Camillo Benso di Cavour, era stato chiamato Urbano Rattazzi il quale sembrava voler lasciare spazio al Partito d’azione di una più ampia libertà di movimento.

Garibaldi, interpretò l’atteggiamento del Rattazzi come una sua disponibilità  a lasciargli organizzare dei gruppi armati per poter tentare un colpo di mano e, in tale ottica, cominciò a pensare ad una seconda spedizione che, come quella dei Mille, apparisse spontanea, ma nascostamente sostenuta dal governo italiano.

 

1862, 24 agosto: Garibaldi s’imbarca, con 2000 volontari, a Catania per sbarcare  a Melito.

1862, 29 agosto: battaglia dell’Aspromonte. Garibaldi viene ferito e imprigionato.

1865: Firenze è proclamata capitale d’Italia.

 

 

Garibaldi: o Roma o morte

 

Si portò quindi in Sicilia, ove era ancora vivo il ricordo dell’impresa di qualche anno prima, e costituì un piccolo esercito di volontari con il quale sbarcò in Calabria per dirigersi verso Roma, consapevole che avrebbe dovuto fronteggiare i Francesi che presidiavano la città.

Il governo italiano, preoccupato che se avesse lasciato libertà d’azione a Garibaldi avrebbe dovuto sostenere la reazione della Francia, fu costretto a dichiarare Garibaldi un ribelle e inviargli contro l’esercito regolare al comando del Generale Cialdini.

Sull’Aspromonte (Reggio Calabria), si scontrarono i due gruppi avversi: entrambi formati da italiani che, nel profondo del loro cuore, covavano la stessa speranza.

Garibaldi aveva impartito l’ordine di non sparare e lo stesso Cialdini, che aveva disposizioni di fermare Garibaldi, non era intenzionato a spargere sangue fraterno.

Tuttavia si susseguirono degli scontri che provocarono alcuni morti ma, soprattutto, numerosi feriti.

Fra questi, lo stesso Garibaldi che fu imprigionato per essere poi, immediatamente, liberato per amnistia.

 

 

“Regolari”, “volontari”, “esuli e volontari”

 

Come avveniva l’arruolamento fra il corpo dei Cacciatori delle Alpi, costituito nel 1859, ci porta a riconsiderare la posizione di alcuni brembani che, con una divisa diversa dalla camicia rossa, hanno contribuito alle guerre d’Indipendenza.

[…]Le vicende dei Cacciatori vennero narrate da un valoroso ufficiale dello Stato Maggiore Francesco Carrano, che a buona ragione può essere detto appunto lo storico del corpo; qui mi sembrano di maggior interesse alcune considerazioni di carattere generale. Innanzitutto sull’arruolamento. Poichè si parla di circa 40.000 esuli in Piemonte provenienti da varie regioni italiane, è chiaro in primo luogo che non tutti furono arruolati. In secondo luogo si sa che chi aveva i requisiti veniva inquadrato nell’esercito regolare; per cui non è possibile considerare una netta separazione tra i “regolari” dell’esercito e “volontari” o “esuli e volontari” nei Cacciatori. Ancora: quanti furono i Lombardi esuli e gli arruolati? La risposta alla prima parte della domanda non si sa se potrà mai essere detta; la risposta alla seconda parte è chiusa negli archivi di Torino (su 3.200 Cacciatori pare che due terzi fossero Lombardi, esuli alcuni da anni, alcuni da pochi giorni). La maggioranza degli arruolati bergamaschi fu, forse, nei Cacciatori, ma non mancarono degli arruolati nell’esercito[…].

Alla luce di queste brevi considerazioni, ci viene da dire che anche coloro, se non tutti, in gran parte, che hanno militato nell’esercito regolare, possano considerarsi alla pari dei volontari che maggior lustro e gloria ebbero nelle cronache.

Allora, andrebbero rivalutati anche i ruoli avuti dalla nota guida alpina Antonio Baroni[43] di San Pellegrino e di Giovanni Fustinoni di Sedrina, entrambi risultanti militanti nell’esercito regolare.

 

La terza guerra d’Indipendenza

 

In questi anni si erano andati inasprendo i rapporti tra Austria e Prussia per la supremazia in Germania che sfociarono nel 1866 in un conflitto.

L’Italia, che vedeva nell’Impero austriaco un ostacolo al suo progetto di unificazione nazionale, approfittò per stringere l’alleanza militare fra il Governo italiano e la Prussia di Otto von Bismark, mediata dalla Francia di Napoleone III che le offriva di effettuare un ulteriore consistente guadagno territoriale, a scapito degli Asburgo.

Il piano progettato prevedeva che l’Italia avrebbe dovuto impegnare l’Austria sul fronte meridionale e, contemporaneamente, forte della sua superiorità navale, portare una minaccia alle coste dalmate, distogliendo così forze dal fronte di guerra nell’Europa centrale.

La prima mossa toccò alla Prussia che, dopo aver dichiarato guerra all’Austria, il 16 giugno aprì le ostilità contro alcuni principati alleati col nemico.

L’Italia entrò in guerra con due armate comandate una dal Capo di Stato Maggiore generale Alfonso La Marmora e l’altra dal generale Enrico Cialdini mentre, la flotta, fu affidata all’ammiraglio Carlo Persano.

Il primo confronto fra l’esercito austriaco e l’armata di La Marmora si concluse con la sconfitta italiana di Custoza, rimediata il 24 giugno.

Fra i protagonisti di questa infausta giornata troviamo Giovanni Gamba, che tratteremo in seguito, e il medico militare, il dottor Pietro Mocchi[44] di Valnegra il quale, più tardi, sarà presente fra i protagonisti della presa di Roma.

 

Per far fronte all’insuccesso a terra, il Governo italiano ordinò a Persano l’attacco con la flotta all’isola di Lissa che si concluse con un ulteriore insuccesso.

 

Dell’armata navale austriaca faceva parte anche Adolfo Ambrosioni, figlio di Domenico originario di Branzi, con il grado di tenente di vascello.

 

L’esito della guerra restò però equilibrato grazie agli alleati che ottennero il 3 luglio l’importante successo a Sadowa.

Il 14 luglio, a Ferrara, si tenne un Consiglio di guerra durante il quale fu rivista l’intera operazione militare dove, fra l’altro, si prevedeva anche l’impiego dei volontari di Garibaldi.

A questi ultimi, affiancati da una divisione, fu affidato il compito di occupare il Trentino.

Il grosso dell’esercito, alla guida del generale Cialdini, dall’11 al 22 luglio si portò da Ferrara a Udine.

 

La formazione comandata da Garibaldi si spinse nel bresciano, dirigendosi verso Trento ottenendo una brillante vittoria a Bezzecca mentre una seconda colonna, guidata dal Medici, si portò sotto le mura di Trento.

Alla vittoriosa battaglia di Bezzecca, assieme a Giuseppe Belotti[45], hanno preso parte anche gli altri zognesi Pasquinelli Agostino[46], Volpi Pietro[47], Fedi Cristoforo, Marconi Giuseppe, Cortinovis Gaspare e Lazzaroni Giovanni Ronchèl[48] figlio di Giovanni.

Pure Felice Astori, che abbiamo visto fra i feriti di Calatafimi, di salute cagionevole a causa di quegli eventi, vuole essere nuovamente con Garibaldi.

Fra i contendenti si deve anche ricordare Ferdinando Ferrari pure di Zogno, caporale, furiere, schierato nell’esercito regolare assieme a Giovanni Gamba e ai fratelli Annibale e Achille Pasquinelli[49].

 

Lo sforzo compiuto da Garibaldi fu annullato dall’ordine emanato il 9 agosto con il quale gli si intimava la ritirata e, al quale, rispose: “Obbedisco”.

Le ostilità si conclusero con l’Armistizio di Cormons e col successivo trattato di Vienna, sottoscritto il 3 ottobre.

 

Alle vicende della terza guerra d’Indipendenza ebbero parte: Carlo Milesi Rosàda detto Barì, di Roncobello, i sangiovannesi Bonati Gianmaria, Canali Domenico (di soli 17 anni) e Locatelli Luigi.

 

Ad un Giuseppe Cavagnis di Zogno, appartenente al 21° reggimento di Fanteria (matricola 2324), forse lo stesso di cui abbiamo accennato precedentemente per un problema di presunta diserzione, venne attribuita la medaglia commemorativa per aver fatto la campagna di guerra nel 1866 contro gli Austriaci per l’Indipendenza d’Italia.

 

1866, 8 aprile: firma del trattato tra la Prussia e il Regno d’Italia.

1866, 14 giugno: la Prussia dichiara guerra all’Impero austro-ungarico.

1866, 20 giugno: dichiarazione  di guerra all’Austria da parte del Regno d’Italia; inizia la 3a guerra d’Indipendenza.

1866, 24 giugno: l’esercito piemontese viene sconfitto dall’Austria a Custoza (Verona).

1866, 3 luglio: la Prussia sconfigge definitivamente gli avversari a Sadowa (Boemia meridionale) e, poco dopo concede l’armistizio.

1866, 20 luglio: la flotta austriaca sbanca quella italiana presso l’isola di Lissa.

1866, 21 luglio: Garibaldi riporta una strepitosa vittoria a Bezzecca che gli apre la strada per Trento.

1866, 25 luglio: I negoziati tra la Prussia e la Francia e l’Austria, sulle condizioni dell’armistizio, sono terminati. La Prussia accetta l’integrità dell’Impero austriaco, escluso il Veneto, e domanda che l’Italia acconsenta alle sospensione delle ostilità.

1866, 9 agosto: Garibaldi, con il celebre obbedisco, fu costretto a lasciare il Trentino.

1866, 12 agosto: viene sottoscritto l’Armistizio di Cormons con la conseguente cessazione delle ostilità.

1866, 22 agosto: ultima visita di Garibaldi a Bergamo.

1866, 3 ottobre: trattato di Vienna.

1866, 21/22 ottobre: referendum a suffragio universale maschile per l’annessione del Veneto all’Italia.

1867: cominciano le velleità contro Roma. Enrico Cairoli, penetrato con alcuni compagni con l’intento di far insorgere la città, viene ucciso dalle truppe pontificie.

1867, 24 ottobre: Garibaldi, dopo aver lasciata Caprera, supera il confine dello Stato Pontificio.

1867, 26 ottobre: le truppe guidate da Garibaldi occupano Monterotondo.

1867, 27 ottobre: Vittorio Emanuele II sconfessa l’azione di Garibaldi.

1867, 3 novembre: Garibaldi, grazie all’intervento dei francesi, viene respinto a Mentana.

1870, 20 settembre: sfondamento di Porta Pia ed entrata in Roma dei bersaglieri.

1870, 2 ottobre: con il plebiscito il Lazio entra nel Regno d’Italia.

1871, giugno: la capitale, da Firenze passa a Roma.

 

 

Roma, Porta Pia

 

Dopo il bagno di sangue che concludeva il tentativo di insurrezione in Roma, guidato dai fratelli Cairoli, Garibaldi, che era stato relegato presso l’isola di Caprera, sfuggendo ad ogni controllo, sbarca sulla costa toscana.

Attorno a lui si raccolsero ancora numerosi volontari con i quali, nell’ottobre 1867,  marciò su Roma.

Il primo impatto avvenne a Monterotondo dove le truppe pontificie furono  sconfitte.

Napoleone III, allora,  decise i schierarsi in difesa dello Stato pontificio; dopo lo sbarco a Civitavecchia, si unì a Mentana con i papalini e, grazie al suo intervento,ottennero  una vittoria che   costrinse Garibaldi a recedere fuori dai confini del Lazio.

Su insistenza dei francesi, il governo italiano  ordinò  ancora a Garibaldi il ritorno a Caprera.

L’esercito prussiano, a Sedan (2 settembre 1870),  vinse quello francese e Napoleone III  venne fatto prigioniero; la Francia, sconfessando il suo re, proclamò la terza repubblica.

Di questa situazione ne approfittò l’Italia; dato che le truppe francesi erano state ritirate da Roma, il generale italiano Raffaele Cadorna  ordinò di penetrare nel Lazio e puntare su Roma.

Il 20 settembre le mura della città  furono prese a cannonate; si  aprì  una breccia presso Porta Pia attraverso la quale, i bersaglieri,  entrarono  in Roma.

L’ingresso dell’esercito italiano in Roma, proclamata capitale d’Italia, metteva fine ad uno Stato dalla storia più che millenaria e al potere temporale del Papa.

 

Chiudiamo questa breve rivisitazione storica ricordando ancora tre zognesi che hanno partecipato alla presa di Roma; si tratta Francesco Gervasoni (Cico)[50] e Pietro Risi (Parasèto), due valenti e popolarissimi artigiani  (il primo svolgeva l’attività di pittore e decoratore e, il secondo, quella di falegname) e di Pietro Tiraboschi.

 

 

(Questo è un estratto della pubblicazione curata da Diego e Osvaldo Gimondi dal titolo Sedrina, solidarietà e partecipazione per l’Indipendenza per l’Unità d’Italia 1821/1870 edita dal Centro Studi Francesco Cleri e dal Comune di Sedrina)


1 Beltrami Luigi Felice (insegnante, ex capitano napoleonico): nato a Bergamo il 24 ottobre 1771, muore il 6 dicembre 1843 a Clanezzo dove è sepolto.

2  Per ulteriori notizie vedi Diego e Osvaldo Gimondi, Villa d’Almè, vol.II pp.74/75.

[3] Bonetti Olimpio (patriota, falegname): nasce nel 1819. Di professione falegname, abitava a Zogno in  Via Ascina. E’ stato uno dei componendi della    banda musicale di Zogno sin dalla sua fondazione. Muore nel 1900.

[4] Licini Massimiliano (barbiere): nasce nel 1827 e muore in America nel 1895.

[5] Cattaneo Pietro (dipendente I.R. Prefettura): cugino di Carlo Cattaneo. Custode della Prefettura di Zogno.

[6]Pasquinelli Giacomo (perito agrimensore): si tratta del papà del garibaldino Agostino. Nasce a Bracca il 2 marzo 1800 da genitori contadini. Frequenta gli studi seminarili, sostenuto dagli zii, che, nel 1818 abbandona. Trova occupazione come maestro elementare e segretario presso i comuni di Bracca, Brembilla e Gerosa. Si sposa una prima volta con Elisabetta Salvi (1823), di cui rimarrà vedovo dopo soli pochi mesi lasciando una figlia, e  in seconde nozze con Benedetta Cameroni (1826), sorella dell’abate Carlo Cameroni, noto patriota, dalla quale avrà altri 11 bambini. Nel 1829 si iscrive all’Università di Pavia, presso la quale si laurea a pieni voti. Nel 1831, dopo dieci anni trascorsi a Brembilla ritorna a Zogno dove risiede presso la località Tre Fontane. Dal 1832 comincia la sua attività di perito agrimensore. Muore a Zogno nel 1871. A proposito della sua partecipazione ai moti insurrezionali del 1848/49 lo stesso Pasquinelli, attraverso la sua Autobiografia (Luigi Fagioli, a cura, Vita di Giacomo Pasquinelli perito agrimensore), smentisce tutto quanto gli storici più accreditati, in seguito, hanno scritto e che noi stessi abbiamo riportato. Egli, infatti, nega ogni fatto che gli è stato attribuito. La questione meriterebbe un approfondimento attraverso i documenti. Una cosa è certa: la conoscenza di personaggi altolocati dell’esercito austriaco che Egli stesso alloggiava, , probabilmente, potrebbero averlo aiutato ad uscire da guai peggiori.  

[7] Mocchi (famiglia): la famiglia forse ha origine a Villa d’Almè da dove si trasferisce, alla fine del XVII secolo, a Lenna.

[8] Della Chiesa Carlo (patriota, pubblico ragioniere): nasce nel 1820. Rimasto presto orfano del padre, compie prima gli studi presso il Collegio di Celana e, poi, consegue il titolo di ragioniere. E’ stato sindaco di San Pellegrino dal 1861 al 1870. Muore nel 1889.

[9] Piccinini Daniele (patriota): nasce a Pradalunga il 3 giugno 1830 presso una famiglia benestante legata alla produzione di pietre coti. Iscritto all’Università d Pavia, lascia gli studi nel 1848 per accorrere in difesa di Bergamo e Milano insorte. Partecipa alla spedizione dei Mille con il grado di capitano. Nel 1889 si porta in visita in Sicilia e in Calabria per potere, di persona, verificare le condizioni di quelle zone che lo avevano visto protagonista. Muore il 9 agosto 1899 a Tagliacozzo (Abruzzo) a seguito di una ferita d’arma da fuoco mentre si stava preparando ad una battuta di caccia sul Gran Sasso.

[10] Bonorandi Nicola (ex capitano dell’esercito francese,  patriota): nato in Svizzera, a Lavina nell’Egadina inferiore, nel 1798. Dopo essere stato a servizio del re di Francia, si era ritirato con un vitalizio a Bergamo. Muore il 23 marzo 1867 e viene sepolto a Nembro.

[11] Vedi Erba Giovanni.

[12] Bonorandi Nicola (ex capitano dell’esercito francese,  patriota): vedi nota n.

[13] Vedi Erba Giovanni.

[14] Calvi Gerolamo: Fatti bergamaschi nella Rivoluzione Lombarde del 1848, Crescini, Bergamo, 1848.

[15] Locatelli Pietro (patriota): si dice San Giovanni Bianco.

[16] AA.VV.: Moio de’ Calvi ieri e oggi, p.191. A pag. 328 si legge: […]Giovanni Balestra detto “ol Ros” il cui ritratto campeggia in una sala del municipio. Balestra aveva partecipato nel 1848 alla prima guerra d’indipendenza, e poi aveva aderito come volontario alle formazioni garibaldine. Dal momento che risultava iscritto alla massoneria, non era però ben visto dal parroco don Andrea Donati, il quale lo fece scomunicare e arrivò addirittura a scagliarsi contro di lui dal pulpito augurandogli una brutta fine.”El mörerà coi scarpe ‘n di pé, cioè non nel suo letto; il caso volle che egli perisse tragicamente, precipitando dal tetto della sua stalla della Al Mat. A Moio abitava nell’attuale piazza IV Novembre, nella casa della Marì e gestiva con la famiglia un’osteria la sui insegna affrescata sulla facciata è ancora parzialmente visibile[…].

[17] Erba Giovanni (frate, patriota): fattosi frate cappuccino, nel 1848 si trova presso il monastero di Serina. Allo scoppiare delle insurrezioni segue perennemente il Camozzi nelle vicende di Bergamo, Brescia e Milano. Nel 1850, pare rifugiato a Lugano. Ripreso il saio, si associa ai confratelli di Novi.

[18]Tiraboschi Giovanni Battista (patriota, sacerdote, scrittore): insegnante presso il liceo di Bergamo, è stato arciprete di Costa di Mezzate. Morì il 18 febbraio 1880.

[19] Belotti Bortolo (patriota, amministratore comunale di Zogno): si tratta del nonno dell’omonimo storico zognese.  Nasce nel 1819. E’ stato tra i fondatori della Banda musicale e Capitano della Guardia Nazionale del suo paese. Muore nel 1872.

[20] Olmo era il nome della comunità brembana prima del 1863 quando, su disposizione del Ministro degli Interni, si aggiunse l’appellativo al Brembo per evitare l’omonimia con altri luoghi  del territorio nazionale.

[21] Belotti Bortolo (avvocato, storico, ministro): nato a Zogno nel 1877, il 26 ottobre 1913 Morirà esule a Sanvico, nei pressi di Lugano (CH), nel 1944.

[22] Zambelli Paolo (patriota, deputato): nasce a Endenna il 25 marzo 1813. E’ nipote di Barnaba Vincenzo Zambelli, professore di Diritto commerciale e scienze politiche all’Università di Padova che, assieme a quella di Pavia, risultano essere dei veri serbatoi di volontari garibaldini. Forse è un caso ma può anche essere che, lo zio, possa essere stato il forgiatore delle idee liberali di Paolo. Sposa Enrichetta Belotti. E’ il primo dei deputati eletti al parlamento nazionale nel Collegio di Zogno. Muore a Zogno il 7 giugno 1871.

[23] Astori Felice (patriota): figlio di Giovanni e Angela Bianchetti, nasce a San Pellegrino il 2 novembre 1827.  Si unisce in matrimonio dopo la spedizione,    con Albina Pallido. Muore a Bergamo il 7 febbraio 1893.

[24] Il Pasquinelli fu arrestato qualche giorno dopo,  il 19 maggio,  e rinchiuso  nelle carceri di S. Agostino in Bergamo da dove verrà rilasciato dopo poche settimane per merito di un funzionario bergamasco.

[25] Si tratta di don Pietro Giupponi che resse la parrocchia di Zogno dal 1838 al 1873.

[26] Venne introdotta con una ordinanza del 29 settembre 1848. Era prevista per tutti coloro che entro il 10 ottobre 1848 non avessero consegnato le armi alle autorità.

[27] Il Belotti, forse poteva avanzare delle conoscenze altolocate dato che egli alloggiava nella sua casa alcuni graduati. Nel 1850, ospitò dal 1° maggio .il Capitano Weild ed il Tenente Atom(…).

[28] Premerlani Faustino (sacerdote, cappellano delle carceri): familiarmente conosciuto come don Fantì, si distingue nel 1848 per il soccorso agli infetti di colera presso il Civico Ospedale. Assume l’incarico di cappellano delle carceri nel 1850. Nel 1852 è nominato vice-bibliotecario della Biblioteca civica.  Si prodiga, con mezzi propri e con l’aiuto di amici, all’istituzione di una biblioteca a vantaggio dei carcerati. Nel 1860, è stato fra i primi a rispondere all’appello di Garibaldi dando la sua adesione alla Società dei Carabinieri Bergamaschi (Tiro a segno)  per l’esercizio delle armi. Nel 1880 è insignito della Croce di Cavaliere della Corona d’Italia. Muore, settantacinquenne, il 18 gennaio 1880.

[29]Il sacerdote annota che nello stesso giorno furono passati alle armi con il Gotti anche Letti Francesco di Almenno; Giorgini di Vatellina; Speziali di Valtellina.  Giuseppe Locatelli Milesi nel Registro dei martiri bergamaschi dal 1848 al 1851 annota che al sacerdote toccava l’ingrato compito di informare, spesso all’ultimo momento, gli infelici della loro sorte. Quando ad esso era reso impossibile, veniva sostituito da un altro ecclesiastico, don Antonio Galbuseri.

[30] Torricella Mosè (patriota): nasce a S. Giovanni Bianco il 30 maggio 1843. Muore il 27 ottobre 1899.

[31] Garibaldì sostò presso la casa Locatelli  Milesi; l’8 giugno 1929, l’avvocato Sereno Locatelli Milesi fece apporre, a ricordo dell’avvenimento la seguente lapide: La mattina del giorno 8 di giugno casa accogliesti il Duce: Garibaldi che veniva da Almenno, fieri e baldi gridando i Cacciatori; e avea nel pugno ancora una vittoria… .

[32] Bonetti Francesco (patriota): figlio di Giovanni, nasce a Zogno l’11 giugno 1841. Tenente del 45° Reggimento Fanteria. Sappiamo che un Francesco Bonetti, sempre di Zogno, Leva 1861 si trova al servizio della Scuola Militare di Torea(?); potrebbe trattarsi di omonimia.

[33] Gamba Barnaba (patriota): figlio di Giacomo, nasce a Zogno nel marzo 1825.

[34] Marconi Carlo (patriota): nasce nel 1836 e muore nel 1884. E’ stato uno dei primo bandisti della Banda Musicale di Zogno.

[35] Moroni Vittorio (patriota): figlio di Modesto, nasce a Zogno l’8 gennaio 1831.

[36] Pasquinelli Agostino (patriota): figlio di Giacomo, nasce a Zogno il 1° maggio1840. Affronta gli  studi presso il seminario vescovile di Bergamo. Qui stabilisce una solida amicizia con Felice Cavagnis che diventerà poi cardinale; con lui, nel 1857, si reca a Roma come borsisti del Collegio Cerasoli. […]Questi un bel giorno, e precisamente il 24 maggio 1859, lasciava la veste talare abbandonando il Seminario. Fu quello un giorno di lutto pel nostro. E trovo infatti registrato nel suo diario: «Oggi partì con sommo mio dolore l’amato mio compagno Agostino Pasquinelli»[…](Vistalli Francesco: Il Cardinal Cavagnis, p115). Proprio nel 1859, si unisce ai Cacciatori delle Alpi. Finita la campagna militare si iscrive al corso di matematica presso l’università Pavia che ben presto abbandona per seguire Garibaldi in Sicilia, e per partecipare anche alle vicende del 1866. Dopo un soggiorno a Roma, passato sotto il protettorato di Crispi, rientra in patria dove ottiene l’incarico di economo presso le carceri di Bergamo. A Bergamo, Agostino, fondò la Compagnia dei Rotolanti del Pasquinelli. I Rotolanti erano quelli che facevano… rotolare le bocce all’Albergo del Sole in Città Alta; e di quella Compagnia fu fondatore e presidente a vita. Muore improvvisamente a Zogno il 28 febbraio 1919 durante la commemorazione dei Caduti.

[37] Nullo Francesco (patriota, industriale): nasce a Bergamo il 1 marzo 1826. Di origini borghesi, studia presso il collegio di Celana (Bg). Partecipa alle 5 giornate di Milano e si arruola nell’Armata Sarda. Nel 1849 si trova a difendere la Repubblica Romana.  Nel 1859 è con i Cacciatori delle Alpi e l’anno appresso è a fianco di Garibaldi in Sicilia. Partecipa all’operazione del Sannio contro il brigantaggio. Viene incarcerato sull’Aspromonte. E’ fra i protagonisti in Polonia dove muore a Olksr il 5 maggio 1863.

[38] Parpani Giacobbe (patriota, farmacista): nasce a Bergamo il 3 marzo 1836. Figlio di un farmacista, nel 1859 lascia gli studi e si rifugia in Piemonte. Prende parte prima ai combattimenti di Magenta e successivamente alla spedizione dei Mille. Finita la campagna, completa gli studi laureandosi in farmacia e, avviando l’attività farmaceutica che cura, salvo una breve parentesi nel 1866 quando ha ripreso le armi, fino alla morte avventa a Villa d’Almè il 2 febbraio 1898. Per una conoscenza più approfondita vedi: Gimondi Diego e Osvaldo: Villa d’Almè dal Settecento al secondo dopoguerra, vol.II,  pp.106/113.

[39] Essi furono: Astori Felice e Pesenti Francesco.  Quest’ultimo nasce a Piazzo Basso (attualmente nel comune di San Pellegrino) il 16 ottobre 1828     da Giovanni e Bernardina Magoni. Muore a Milano il 13 luglio 1879.

[40] Questi furono: Bonetti Francesco, Moroni Vittorio, Gamba Barnaba (nato nel 1824), Pasquinelli Agostino e Volpi Pietro. Bortolo Belotti (I Cinque Zognesi dei Mille, p.187) a proposito di Moroni Vittorio scrive che […]nato nel 1828, probabilmente non a Zogno, dove si ritiene sia venuto con la famiglia nel 1840, morto anch’esso all’ospedale di Bergamo nel 1867[…]. Lo stesso (opera citata) accenna anche a Giovanni Battista Gaetano Lazzaroni. Egli scrive: […]Simpaticissima macchietta fu infine Lazzaroni Gio. Battista, il quale, pur essendo nativo di Endenna (così egli stesso mi diceva, spiegando con tale ragione perchè il suo nome non fosse stato compreso fra quelli dei garibaldini zognesi), visse sempre a Zogno, e a Zogno morì nel 1911[…]. Tuttavia,  Alberto Agazzi (Le 180 biografie dei Bergamaschi dei Mille, pp.420/421) afferma che lo stesso […]nacque a Bergamo il 13 dicembre 1836 da Giovanni Battista e Barbara Fogaccia, morì a Zogno il 25 giugno 1898[…]. Che il Lazzaroni non sia nato però ad Endenna, come sostiene l’Agazzi, è testimoniato anche dai registri dello Stato d’anime della parrocchia di Zogno dove, ricordandolo con il soprannome di Garibaldì (Garibaldino), lo si dice nato a Bergamo nel 1836. L’abitazione la teneva a Zogno in località Centro dove svolgeva l’attività di falegname. Si era sposato due volte: la prima a Galarate con Bassani Luigia di Giuseppe e Maria Ferrari (morta l’11 settembre 1881) e la seconda, il 21 aprile 1882, con Buzzetti Matilde di Paolo e Ferrari Angela nata il 3 ottobre 1844 a Galarate. Dal primo matrimonio, il 6 novembre 1867 è nata ad Endenna, Anna. Il Lazzaroni è morto il 25 giugno 1898.

Di Battista Lazzaroni, Angelo Zois aggiunge qualcosa: […]Anche nel vasto movimento per l’Unità d’Italia, Endenna ebbe un suo rappresentante nella persona di Lazzaroni Battista che morì a Zogno nel 1911. Egli partecipò alla spedizione Garibaldina dei Mille[…] (Memorie storiche della Chiesa parrocchiale di Endenna di Zogno (Bg)…, p.21).

[41] Bottani Tarcisio-Arrigoni Ermanno-Riceputi Felice: Gente di Piazzatorre, p.217. Essi scrivono: […]Alla Spedizione dei Mille parteciparono poi ben otto brembani, 5 patrioti di Zogno, 2 di Sedrina e 1 di S. Pellegrino[…].

[42] 2a, Agnetta; 3a, Medici; 4a, Malenchini; 5a, Gosenz; 6a, Langè; 7a, Siccoli.

Altri affermano che la seconda spedizione fu guidata da Giacomo Medici, diretta a Palermo. La spedizione di Enrico Cosenz, la terza, partì sempre dal porto di Genova. La quarta fu guidata da  Gaetano Sacchi.

[43] Baroni Giovanni Battista Antonio (guida alpina): nasce a nella contrada Sussia, in comune di S. Pellegrino Terme, il 31 luglio 1833 da Giuseppe e Oberti Anna Maria. Con Pietro Carlo Medici di Castione della Presolana, è stato il capostipite delle guide alpine bergamasche. Muore il 21 aprile 1912.

[44] Mocchi Pietro (patriota, medico): terzo di quattro maschi, nasce a Lenna nel 1828. Molto attivo nei moti insurrezionali antiaustriaci. Laureato in medicina, fa parte della Croce Rossa durante la terza guerra d’Indipendenza. Muore nel 1892.

[45] Belotti Giuseppe (patriota): nel conflitto rimase ferito e fu insignito della medaglia d’argento al Valor Militare.

[46] Pasquinelli Agostino (garibaldino): vedi nota n. 11

[47] Volpi Pietro (patriota):  nasce a Zogno da Giovanni e Calderina (?) nel 1843. Maria. Risulta titolare della omonima cereria che praticava a Zogno, presso l’attuale sede del Museo della Valle. Muore nel 1911.

[48] Questi nominativi sono stati tratti a p.153 n.3 della pubblicazione La Banda Musicale di Zogno di Bernardino Belotti. L’autore, rispetto al fratello Bortolo (I Cinque Zognesi dei Mille, p.17) , aggiunge all’elenco l’onnipresente Agostino Pasquinelli.

[49] Pasquinelli Achille (patriota): fratello di Agostino.

[50] Egli abitava a Zogno  in via Ascina, l’attuale via dei Mille, nella casa di Olimpio Bonetti Forilumi.

LA CULTURA DEL CASTAGNO NELLA MEDIA VALLE BREMBANA

LA CULTURA DEL CASTAGNO NELLA MEDIA VALLE BREMBANA

Rel.  Gotti prof. Claudio-dirigente scolastico
Rel.  Carminati Franco- fotografo

Conferenza Associazione Culturale Priula a. 2010-2011

            Sui versanti nord-ovest del Canto Alto, caratterizzati da terreni umidi, la fascia di crescita dei castagni si estendeva dai prati fino al crinale (indicativamente dai 400 ai 900 m sul livello del mare), mentre sui versanti sud-est più aridi la fascia era contenuta tra il livello delle vigne e dei pascoli in quota (dai 500 agli 800 m): una superficie vastissima di milioni di metri quadrati trapuntata da centinaia di migliaia di alberi innestati che nei mesi di settembre-ottobre producevano una quantità incalcolabile di marroni pregiati e di castagne. 

            I trapianti erano eseguiti da specialisti con tecniche diverse inserendo su portainnesti selvatici, hélvadech, nessi selezionati, ögèc o ögète, per ottenere varietà di castagne a maturazione precoce o tardiva, di varia pezzatura, dalla buccia esterna o interna, la röhca e la pèl o dèa, più o meno coriacee e perciò adatte ad essere abbrustolite, lessate, essiccate; i ostane o ostanèle, i pilùh o i pilùse, i balestrére, i tempré-e, i templìne, i careàne, i santinèi, i erdàne Erano definite pàtoi le castagne da scartare perché non sviluppate, mentre  erano chiamate predòste quelle che all’assaggio presentavano grumi nella polpa.

            “Al cróda i castègne!”(Crollano le castagne!). L’annuncio correva allegramente di bocca in bocca  come se fosse piovuta la manna dal cielo.

            Per la raccolta si mobilitavano le famiglie: donne, vecchi e bambini setacciavano ogni palmo della proprietà, armati di bisacce di stoffa, i hachèle, legate in vita per facilitare i movimenti delle mani, la testa e il dorso coperti da un sacco di iuta per difendersi dalla pioggia. Rimanevano per ore sempre chini, impugnando all’occorrenza piccole forche in legno per estrarre dai ricci semiaperti le castagne imprigionate. Nelle giornate piovose frequentemente si incontrava una salamandra maculata, la hìncarlina, che arrancava per i sentieri delle selve: nessuno osava toccarla con le mani perché si credeva che per curare il morso di una salamandra servissero tanti medici quanti bolli gialli aveva sulla schiena, i dih che he la te pìa ghe öl tàce dutùr come tàce bói che la gh’à höla hchéna.  

            La raccolta libera delle castagne era proibita e i proprietari dei castagneti vigilavano affinché il divieto fosse rispettato dai nullatenenti e dai forestieri. I trasgressori consapevoli di essere nel torto non reagivano e, se richiesto, consegnavano il contenuto del sacco. Semmai erano i “possidenti” che  credendosi nel giusto allontanavano i ladri, sorpresi a rubare, con insulti e minacce.

            Dopo che i legittimi proprietari avevano terminato la raccolta, era concesso a tutti indistintamente di spigolare nel castagneto, ‘ndà a hpiglà; in virtù di questo antico uso civico anche i poveri  potevano racimolare un po’ di castagne per campare d’inverno.

            Durante la raccolta i paesi si trasformavano in piccoli mercati. Dopo aver visionato le partite di castagne in vendita, gli acquirenti, i negosciànc e i venditori, i padrù, passavano nell’osteria per intavolare la lunga trattativa;  tra rilanci, brindisi alla salute e la mediazione di un sensale, ol marohér,  si concludeva l’accordo con una stretta di mano. Prontamente la merce era caricata su carri o a dorso di mulo per rifornire i negozi di città o dei paesi della pianura.

            Nel corso della seconda guerra mondiale, la gente dei paesi del Canto ha potuto vincere la miseria causata dal razionamento del cibo e dal magro reddito prodotto dalle attività agricole grazie al baratto delle castagne. A piedi, in bicicletta, in treno, reggendo sulle spalle un sacco di castagne, uomini e donne raggiungevano le cascine della pianura per scambiarle con granoturco, frumento, patate. Nel viaggio si poteva incappare in una pattuglia fascista in perlustrazione o in un posto di blocco. Sovente si addiveniva a un compromesso cedendo di sottobanco una parte del carico, ma non era raro il caso che il frutto di interminabili fatiche fosse sequestrato interamente: in caserma o nella casa di un graduato alla sera si banchettava…

            Per conservare a lungo le castagne che sono frutti facilmente deperibili si staccavano dai rami ancora nei ricci con pertiche e si ammucchiavano in stanze al fresco. Quelle raccolte a terra erano trattate con un’immersione in acqua di alcuni giorni, detta noéna per uccidere il baco; poi erano stese ad asciugare su plance di legno nelle soffitte ventilate e infine riposte in sacchi di iuta. Alcuni le facevano seccare al sole per prosciugare l’acqua interna fino a indurirle come sassi e ottenere le castègne pèste o peladèi; altri le affumicavano a fuoco lento in essiccatoi per trasformarle in un secondo momento in gommosi biligòc da vendere nelle feste invernali della provincia assieme alla frutta secca, hecaröla: noci, nocciole e peladèi.

            Il procedimento applicato ancora oggi per la produzione dei biligòc da alcuni appassionati è identico a quello del passato, ma si svolge in un edificio, cadèl o casèl, separato dall’abitazione che funge da essiccatoio, secadùr. E’ scomparso l’uso, un tempo assai diffuso, di essiccare le castagne nella soffitta o in una stanza della casa sfruttando il fumo che saliva dal camino della cucina.

            Le castagne sono ammassate sopra il soffitto di un essicatoio, formato da assicelle, farèle, distanziate l’una dall’altra quanto basta per non far cadere le castagne e lasciar passare il fumo. Al centro del pavimento sottostante si accende il fuoco mantenuto vivo anche di notte. Per non confondere aromi e sapori si usano unicamente grossi ceppi di castagno seguendo il principio del simile con il simile. Lambite dal fumo e dal calore, le castagne trasudano umidità fino a rinsecchire. Non si possono mescolare durante la tostatura perché se la buccia si rompe o si stacca non sono più utilizzabili per la preparazione dei biligòc. Terminato il processo di essiccazione, sono conservate in locali debolmente aerati. All’occorrenza si fanno bollire in poca acqua in una grossa caldaia di rame, coldéra e a fine lessatura si rovescia acqua fredda affinché la buccia raggrinzisca, i turna ‘ngrespéte. Si aggiunge ancora nella pentola un po’ d’olio (nel passato il quantitativo era calcolato su quanto ne conteneva un lume, öna löm de öle) in modo che le castagne risplendano come appena uscite dal riccio.

            Nei castagneti, detti hèlve, gli alberi di castagno erano piantati a distanza in modo da consentire un miglior sviluppo dei rami fruttiferi; la luce solare penetrava irraggiando in ogni stagione tappeti di fiori (ellebori natalizi, bucanevi penduli, primule precoci, epatiche violacee, candidi anemoni, narcisi regali, mughetti odorosi, gigli martagoni, cespugli di brugo, ciclamini vellutati…  ) e le radure di erbe destinate al pascolo estivo di mucche, pecore, maiali, più raramente capre perché troppo voraci. L’incarico di sorvegliare il bestiame era affidato ai ragazzi, che nelle pause raccoglievano fragole, mirtilli e more oppure si divertivano a rincorrere gli scoiattoli, i hghiràc e i ghiri, i hglére; infilavano collane di margherite, intrecciavano steli di plantago per fare piccoli cesti.

            In primavera, quando le piante vanno in vigore, ‘n viùr, dai polloni che gettavano alle base degli imponenti ceppi di castagno i giovani  ricavavano flauti, fischietti e corni di corteccia, hübbì, hübbiète e córegn.

            In mancanza di corde e filo di ferro i virgulti di castagno erano usati, dopo averli attorcigliati, come laccio, stròpa o stropèl (dal latino stroppus, pezzo di cavo ad anello), per legare fascine di legna. Nel linguaggio comune l’epiteto turciastròpe, attorcigliastroppi, definiva una persona  dalle disponibilità scarse sebbene dotata di ingegno.

            Durante la bella stagione ogni albero del castagneto risuonava di canti e richiami degli uccelli: gazze, merli, pettirossi … si esibivano in fraseggi musicali. Come ad un antico oracolo, le giovani fanciulle innamorate si rivolgevano al cuculo:

Dimmi, cucù bello,

quanti anni ancor

a mettere l’anello.

Trepidanti per il responso, contavano i suoi versi echeggiare nel profondo delle selve:” Uno, due, tre…”. Nei bambini la curiosità di vederlo era irresistibile.

            Qua e là o nelle siepi di carpino bianco che dividevano le proprietà dei castagneti, i contadini lasciavano crescere esemplari di agrifoglio, hpinaràt. Corniolo, cornàl e nespolo, nàhpol. Dal  legno duro dell’agrifoglio si ricavavano mazze e mazzuoli mentre da quello del corniolo i denti per  gli ingranaggi dei mulini. I piccoli fiori gialli del corniolo sono tra i primi ad esplodere in inverno sui rami spogli e generano bacche ricche di vitamina C dal colore morello che si possono mangiare a fine estate. I fiori a petali larghi e bianchi del nespolo sbocciano dopo le foglie e diventano in autunno nespole acerbe che maturano nel fieno o al caldo.

            All’ombra delle grandi chiome dei castagni, tra muschio e felci, spuntavano nel mese di giugno i primi funghi, chiamati fiùre, dal gambo sottile e dal cappello chiaro poi quelli dal gambo tozzo e dal  piccolo cappello scuro, fóns, frér, magnà. Riposti delicatamente in cesti intrecciati con listelli di nocciolo o di castagno, di varie dimensioni e forme, hestì, ca-agnöl, ca-àgna, i funghi erano venduti ai bottegai del paese per scontare i debiti segnati sul libro della spesa, ad ambulanti come il Banda che reggeva sulle spalle un bilanciere o cadùr con appese due ceste, agli albergatori di S. Pellegrino che li cucinavano per i facoltosi villeggianti e talvolta erano donati alle personalità influenti (il notaio, l’avvocato, il medico, il parroco, il sindaco) per ringraziarli di favori o raccomandazioni.

            Il castagno è stato la pianta regina della silvicoltura: come il maiale in cucina, si consumava tutto. Dagli alberi selvatici giovani si ottenevano carbonella di buona qualità, pali per le viti, pertiche per fagioli o per la bacchiatura delle noci,  manici per attrezzi da lavoro; dagli esemplari adulti invece travi, travetti e assi per mobili, pavimenti, soffitti, scale, balconi, tetti. Essendo ricco di tannino, il legno di castagno resiste all’umidità e alle intemperie. I rami morti dei castagni secolari, talmente rinsecchiti da essere definiti in modo canzonatorio ossa di vecchia, òs de ègia, erano potati per essere bruciati sul focolare. 

            Le foglie secche di castagno erano assai ricercate per approntare la lettiera alle mucche.             D’inverno, quando le foglie erano asciutte e leggere con scope, scùe de bròca,  robuste e maneggevoli si radunavano in grandi mucchi: i rastrelli non sempre erano adatti perché, tirandoli, i denti si impigliavano nelle asperità del terreno e si rompevano facilmente. Il fogliame era pigiato con forza nelle gerle: la parte che debordava dall’orlo, la röda, era legata saldamente con una corda per non perdere il prezioso carico lungo il tragitto. I bambini aiutavano la famiglia nelle operazioni di pulizia e di trasporto del materiale. L’avvistamento di un nido moscardino, ol  nihülì, un roditore minuscolo ed indifeso dalla pelliccia delicata di color giallo-fulvo, scatenava  sovente una disputa  tra fanciulli per aggiudicarsi l’animale. Sottratto ancora in letargo dal nido di muschio e rinchiuso in una gabbia, il moscardino non si adattava al brusco cambiamento di vita e nel giro di poche ore moriva.

            Persino i rovi e gli spini erano contesi tra i contradaioli di Poscante per allestire il rogo di carnevale.

            Dal Medioevo all’Ottocento i castagneti continuarono ad espandersi sulle falde del Canto, relegando a zone marginali o acclive, i faggeti, i querceti e il bosco ceduo: nuovi impianti garantivano ai proprietari, comuni o privati, maggiori introiti. Frequentemente le castagne erano barattate con grano.

            Nella memoria delle generazioni i castagni secolari rappresentavano i punti di riferimento o di orientamento: nel tracciare i confini tra i comuni si indicavano piante di castagno come termini inamovibili. Negli antichi statuti comunali di Bruntino del secolo XVI era proibito a chiunque, pena la multa di uno scudo d’oro, di tagliare castagni innestati né piccoli né grandi. Galeazzo Visconti al comando di soldataglie il 6 giugno1405 per piegare la resistenza dei comuni simpatizzanti per la causa di Venezia “andò a dar il guasto alle campagne di Sorisele, et Ponteranica, tagliando inoltre molti piedi di castagne”. Ma le guerre disastrose passavano e i castagni ricrescevano.

            L’insaziabile fame di combustibile delle industrie e delle città italiane nel corso dei secoli XIX e XX condusse a disboscamenti dissennati appaltati in particolare dalle amministrazioni comunali a imprenditori senza scrupoli.

            Sotto i colpi di affilate accette, hgür e di lunghe seghe, segù, crollarono a terra centinaia di migliaia di castagni “gentili”. Fu ridotto in ciocchi da ardere pure ol castegnù, che dal Colletto dominava da tempi immemorabili il terrazzo alluvionale di Stabello. Gli anziani ricordavano che quando pioveva il suo tronco cavo ospitava fino a 10 persone che potevano accendere il fuoco senza danneggiarlo per scaldarsi o per preparare una padella di caldarroste. Il ceppo troncato impiegò cinquanta anni per decomporsi; passarono anni prima che la vegetazione rioccupasse il vuoto perché il legno di castagno è fortemente acido.

            Nonostante i tagli, le epidemie e l’abbandono migliaia di castagni secolari ancora sopravvivono, soffocati dal bosco che ha rinaturalizzato le selve. Molti sono stretti in un abbraccio mortale dall’edera, un rampicante sempreverde che si avviluppa ai rami e sottrae alle foglie del castagno la luce del sole.

Il sesso dei fiumi

La “velina” giornalistica che suggerisce di usare comunque per i fiumi l’articolo maschile in italiano non è grottesca? Chi ha deciso di essere più realista del re se perfino Dante quando parla di Duera (grazioso paesetto del cremasco) nel XXXII canto dell’inferno “quel da Duera là dove i peccatori stanno freschi” riferendosi a Buoso da Duera, non la italianizza in Dovera. Italianizzazione prontamente effettuata subito dopo l’unità d’Italia. Unità nata per difenderci dallo straniero … ? Quale?
Anche Dante era un localista popolare e dialettale? L’italianizzazione forsennata dei toponimi, a chi ed a che cosa è servita? La bella lingua italiana ha bisogno di tali meschinità?
Anche il grande Meneghello ha scritto sul Domenicale del Sole, pochi mesi  prima di lasciarci, che “il” Sarca era chiamato da tutti al femminile almeno fino a quaranta  anni fa: la Sarca. Come la Piave, la Chiese, ecc.

Se sotto la linea Massa-Sinigallia tutti i fiumi sono di genere maschile (faccenda che nessuno vuole mettere in discussione) perchè devono essere resi al maschile anche quelli al di sopra di tale linea, di genere femminile?

Come stengono alcuni antropologi in Giappone il sole è considerato femmina e la luna maschio. Questa faccenda che potrebbe sembrare solo una curiosità originale permette di ipotizzare che una importante “invasione” dell’arcipelago sia avvenuta durante un periodo in cui vigeva il matriarcato.

Chissà che qualche lettore di quotidiani insieme a qualche insegnante e giornalista invece di fare il pappagallo …

Intanto la Vistola, la Senna, l’Elba, la Livenza e la Dora tengono.

La Quìsa e mia il Quisa!

La Quisa (∫ è la s dolce di rosa = ro∫a)  

L’è ü pìcol fiöm che l’ nass ai pé del Càt (Càt Ólt – Canto Alto) per negà ‘n del [[Brèmp]] a [[Put San Péder]] (Ponte San Pietro). Per la preci∫iù la nass ai Fontanù de la Petós a 304 méter söl lièl del mar in del Cümü de Potranga (Ponteranica). L’aqua l’è amò chèla de la Mórla come la descovrìt ol brào geologh e stüdiùs Rocco Zambelli ‘n dèl 1966. Prima del cimitéro de Sürisèl töte i sürtìde che i é ∫ó de la àl Baderèm i và sóta tèra e i rinàss a matìna per fà la Mórla e a sìra la Quìsa.

La Quisa la ciapa söbet l’aqua de la Rigla che la é ∫ó da la àl Porcarèsa e la passa sóta la strada 470 per sfiorà ü mülì ‘n pensiù. In chèsto prim tòch de strada i l’à seràda tra du mür de cimènt. Dopo, bèla còmoda e paciusa, la cambia diressiù (in vèrs sira) e la ciapa i aque che é ∫ó di Còi de Bèrghem e del Mut de Bré a man∫ina; del Bondài, del Rigòs e del Rì a drécia. La bagna i tère di Cümü de Sürisel, Almé, Bré – che dal 1928 l’è piö Cümü – Paladina, Osanésga, Scà (pó a Osanésga l’è piö Cümü de quando insèma a Scà i l’à ciama Valbrèmp), Móss e Put. De Paladina ‘n ∫ó la cambia diresiù amò e la a a sud. A Móss quando l’è quase ‘n söcia, in de la ∫òna del Bersài, la tróa la strada per ‘ndà ‘ndel Brèmp. Quase sèmper però la rìa a Put.

Fina a Scà nigü l’ se regórda de ìla ésta söcia. Per chèsto e per ol fato che la à da 304 m, quando la nass, a 207 m quando, dopo 10 Km, la se böta ‘n del Brèmp sóta la Meréna spöl mia dì che l’è ü torènt. Difati “torrens” in latì a l’vülìa dì impetüùs: cioè quase sèmper sèch e raramét ‘n piéna e minaciùs. E suertöt ol gran stüdiùs (geografo) Giuseppe Nangeroni a l’ sostegnìa che ü torènt a l gh’avrèss de ìga öna pendènsa magiura del 12,5 % óter a èss spèss a sèch.  97 méter de dislièl dividìt pèr 10.000 méter al risülta öna pendènsa del 1 %.

Sicóme i a ciama ”’la”’ Quisa da sècoi e sècoi (e seculorum) s’la ciama mia ”’il”’ Quisa come i fà chi ch’i öl vèss piö italià del Dante che l’à sèmper rispetàt i nòm di pòscc e di aque che i gh’à dacc i padrù de cà.

[[Category:Lumbardìa]][[Category:Lombart Oriental]]

Infermeria Toponomastica

Col contributo di tutti, si cerca di curare alcuni toponimi italianizzati in modo rozzo …

a) Il paese si chiamava in antico “Lanore” (molti pascoli, pastori e pecore). E’ stato italianizzato in Onore (BG)?! E gli è andata ancora bene … !

b) Oltre la Goggia (BG) da scrivere Gógia in bergamasco e Gogia in Italiano (la doppia g è un iper italianismo) Effettivamente, una roccia aguzza posta allo sbocco della Val Parina ha la forma che ricorda la cruna di un ago.

c) Xino è una frazione di Fonteno. La pronuncia locale del toponimo è in realtà Scìno (fonti incontestabili: Mons. Giulio Gabanelli e avvocato Bortolo Pasinetti). (Tra l’altro, a Fonteno e nei paesi vicini, si dice scèt e non s-cèt.)

d) In Sardegna: Golfo degli aranci. Traduzione improvvida di Golfo dei granchi.

e) In Sardegna: Isola di Mal di Ventre, così ribattezzata dagli italiani. I sardi la chiamavamo isola du malu ventu. Essendo un isola piatta senza rilievi, coperta da macchia mediterranea senza un albero, il vento di maestrale la spazza come un ciclone …

f) Tomba dei Polacchi Rota Imagna BG: secondo alcuni è il nome locale che sta per dolina. L’ingresso è posto nel fondo di una piccola dolina. Alcuni anni fa un esperto speloeologo delle Nottole (Luca Dall’Olio) vi ha trovato alcune offerte dell’età del bronzo (un magnifico rasoio e alcune ossa di pecora) ai piedi di una gigantesca stalagmite posta nei pressi dell’ingresso. I Polacchi comunque sembra non c’entrino per nulla. Non ci furono partigiani polacchi in Valle Imagna e il toponimo autentico in lingua locale è in uso da almeno 200 anni…

g) Alcuni nomi di fiumi posti a nord della linea Massa-Sinigallia erano … femminili: Piave era la Piave (TV) fino al 1915 come lo era la Chiese (BS). In provincia di Bergamo: La Morla e la Quisa.

h) Porchéra (San Giovanni Bianco (BG) era il toponimo usato da secoli. La costa sovrastante la frazione era infatti riservata al pascolo semilibero dei maiali. Così era scritta sulle carte geografiche del periodo della Repubblica veneta. L’italianizzazione forzata ha permesso ad una “anima semplice” di ingentilire il toponimo con un “Portiera” che c’entra come i cavoli a merenda.

Tèra de Bèrghem di Bortolo Belotti

Bortolo Belotti

 da Poesie Bergamasche a cura di Umberto Zanetti

Grafica e Arte Bergamo

 Saluto Bergamasco

 Tèra piö bèla

Tèra de Bèrghem, co la tò sità,

töta cüpole, tór e campanìi,

che l’è comè ‘n d’ü sògn che l’par de edìi

quando s’vé per la strada de lontà;

 col Sère e ‘l Brèmb, ch’i te traèrsa ‘l pià,

in mès al vérd di cap comè du fìi,

e strade de per töt, ére e fenìi,

e cése e paisòcc de sà e de là;

Tèra de Bèrgem, con chi tò valade,

do s’parla amò a la ègia per capìs,

e, véste, no i è piö dösmentegàde;

 co la tò Presolana e ‘l Corno Stèla

che l’par ch’i pórte ‘l cör in Paradìs,

do él mai che s’pöl troà tèra piö bèla?

 Tèra piö granda 

Tèra de Bèrghem, che te pö vantàss

de ì dacc col sangh anche l’ispirassiù

al Tirabósch, al Mai, al Mascherù,

a Bernardo e piö amò a Torquato Tass;

 che ‘n mès ai to fiöi t’è vést a nass

Palme, Cariani, Previtai, Morù,

e pò, per nominà domà i campiù,

i famosi pitùr de Careàs;

Tèra de zét  che sà mèt sö la pèl,

dal Coleoni, generàl perfèt,

al Nüllo, ai quàter Calvi, al Locadèl;

che te sé ‘n del pensér d’ògne persuna

per vì ‘nsegnàt i nòte al Donizèt;

do él mai che s’pöl troà tèra piö buna?

Tèra piö cara

 Tèra de Bèrghem, tèra di mé vècc,

pàder, màder e ‘ndré fina ai besàoi,

töcc quancc, del prim a l’öltem, bu diàoi,

col sò onùr per bandéra e col sò tècc;

 Tèra de la me s-cèta e di sò s-cècc,

che darèss di massér e di ficiàoi,

per vèdei córes dré ‘ntùren ai tàoi,

bèi, bianch e róss e svèlcc comè folècc;

Tèra de amìs, ch’i è ‘ndacc a l’óter mónd,

ma che s’i ciame col parlà del cör,

me par amò de sènt ch’i me respónd;

e ‘ndo che, a bé conòssela, s’impara

che gh’è di fedeltà che mai no i mör,

do él mai che s’pöl troà tèra piö cara?

 

Francesco Nullo. Eroe “romantico”

  rancesco Nullo

 

Figlio di Arcangelo e Angelina Magno, nacque nel 1826. L’agiata famiglia commerciava tele di lino e possedeva una fabbrica di tessuti a Clusone. Personaggio generoso e coraggioso legò il suo nome a numerose imprese patriottiche italiane e polacche.

 

Con i suoi due fratelli, a fianco della popolazione milanese, combatté sulle barricate delle cinque giornate di Milano, durante i moti del 1848. Ciò gli causò numerosi problemi con la polizia austriaca.

 

Animato da un profondo spirito patriottico, si unì nel 1859 a Garibaldi nelle file dei Cacciatori delle Alpi per combattere gli austriaci. Ma l’impresa per la quale passò alla storia fu la spedizione dei Mille. Nullo si occupò personalmente dell’arruolamento dei volontari nella propria città che, visto il grande numero di adesioni, si poté fregiare dell’appellativo di Città dei Mille  (in realtà furono poco meno di 300 i romantici, generosi e ingenui … volontari bergamaschi).

 

Si ritiene che, grazie alla sua attività nel campo dei tessuti, fu proprio Nullo che procurò  le camicie rosse utilizzate dai garibaldini nella suddetta spedizione.

 

La spedizione nel Regno delle due Sicilie lo vide protagonista di atti di valore, tanto che fu lui a piantare il primo tricolore a Palermo il 27 maggio 1860. Scrisse sul Libro d’Onore dei volontari bergamaschi : “Io sono superbo di appartenere alla valorosa schiera dei figli di Bergamo che fregiano i fogli di questo libro d’onore e di vedere il mio nome accanto a quelli di tanti compagni d’armi”.     (Bortolo Belotti, Storia di Bergamo e dei bergamaschi, Bergamo, Bolis, 1989)  

 

Ebbe una carriera militare assai rapida: tenente nel 1859 divenne capitano (dopo il suo ferimento a Calatafimi). Al Volturno era tenente colonnello, per terminare con quello di generale in Polonia. Nel 1862 Venne arrestato a Sarnico con altri 123 garibaldini mentre organizzava una spedizione per la liberazione del Veneto. Continuò ad essere fedele compagno di Garibaldi anche nella seconda spedizione in Sicilia con lo scontro d’Aspromonte.

 

Lasciò l’Italia diretto a Cracovia, col grado di generale seguito da un gruppo di animosi italiani, francesi ed emigrati polacchi (600 uomini di cui 60 camicie rosse), al fine di liberare la Polonia dalla dominazione russa. Nonostante l’inesperienza degli insorti polacchi, si batté con un coraggio tale da creare attorno a sé un alone di invulnerabilità e l’ammirazione di tutti. Nello scontro con i Russi, quando le sorti del combattimento non sembravano favorevoli si fece avanti sfidando i proiettili dei cosacchi per osservarne i movimenti. Nullo si lanciò a cavallo sull’argine della trincea divenendo bersaglio per i nemici e riempiendo di entusiasmo i polacchi. Dapprima fu colpito il cavallo e poi lui stesso. Cadde con il viso rivolto verso il nemico a Krzykawa trafitto da un proiettile il 5 maggio 1863.  Il colpo gli  entrò nel fianco destro raggiungendo il cuore. Ebbe solo il tempo di sussurrare, in dialetto bergamasco: So mórt !   Fu seppellito nel cimitero di Olkusz.

 

In Polonia è considerato un eroe nazionale tanto che, anche durante gli anni della guerra fredda, un console veniva a Bergamo per rendergli omaggio ai piedi del monumento (di Ernesto Bazzero) che la sua città natale gli ha dedicato nel 1907. Nel 1937 i legionari polacchi offrirono a Bergamo un’urna contenete terra raccolta sulla tomba dell’eroe italiano, che fu solennemente collocata nel Museo del Risorgimento.

 

Pacì Paciàna ol padrù de la Al Brembàna

Secondo il Commissariato di Alta Polizia

col Bando del 19 maggio 1806:

“Vincenzo Pacchiana Nativo di Poscante. Statura piuttosto alta. Età d’anni 30 circa. Corporatura ordinaria. Capelli neri, con ricci intrecciati alla fronte ed alle orecchie. Barba nera, ordinariamente rasa. Occhi brillanti. Mento pieno, color del volto olivastro, per aver contraffatto il suo naturale. Girovago e bandito. Suole travestirsi in mille guise, anco di donna. Parla il dialetto bergamasco, misto col rozzo veneto. Và munito di due coltelli, pistole e schioppo a due canne.»

In quegli anni,  le gravi congiunture politiche ed economiche, il regime di guerra continuo (nei giorni 24 e 25 dicembre 1796 i francesi entrarono in Bergamo con il benestare del podestà Ottolini, occupando la Fiera e il Castello), il peso della tassazione esasperata e l’introduzione della coscrizione obbligatoria  mise molti giovani, soli o associati, contro il governo filofrancese.

Durante la Repubblica Bergamasca, infatti, tanto per attuare concretamente la liberté, la légalité e la fraternité … venne istituita la leva obbligatoria. Gli uomini fra i 18 ed i 50 anni dovevano prestare servizio presso la Guardia Nazionale per 1 lira e 15 soldi al giorno – era prevista la possibilità, per i ricchi, di farsi sostituire a proprie spese da altri-. La coscrizione imponeva l’assenza da casa per quattro lunghi anni in tempo di pace e per un tempo indefinibile in stato di guerra. All’obbligo del servizio militare i giovani bergamaschi risposero con la latitanza e la diserzione: tanti di loro si aggregarono al brigantaggio locale, particolarmente presente nelle valli e dedito al contrabbando di sale e tabacco.

Pacchiana Vincenzo sarebbe nato il 18 dicembre 1773 a Grumello de’ Zanchi in contrada Bonoré, Comune di Zogno. Ex taglialegna, gestiva un’ osteria nei pressi del Ponte Vecchio di Zogno e sposò una sua compaesana di nome Angela Sonzogni.

Molto probabilmente anche spia al servizio di Venezia si dedicò al contrabbando di tabacco, a furti ed a rapine in diversi paesi della Valle. Per gli storici, nonostante le leggende che l’hanno travestito da ribelle che combatte l’ingiustizia e l’arroganza del potere,  ol Pacì resta sostanzialmente un brigante spregiudicato. La polizia francese gli diede la caccia a lungo; dopo numerosi agguati, si arrivò al famoso episodio del salto dal ponte: accerchiato dai gendarmi il Pacchiana si gettò con coraggio dal ponte di Ambria (qualcuno dice dal ponte di Sedrina) nelle acque del Brembo ed a nuoto riescì ancora una volta a fuggire.  Le autorità (si stava attuando il Regno d’Italia) preoccupate di soffocare questo simbolo di libertà, emanarono dei bandi di cattura con tanto di taglia; 100 zecchini se vivo, 60 se morto. Innumerevoli furono le imboscate delle guardie per catturarlo …  Memorabile lo scontro a fuoco a Endenna, frazione di Zogno, con un paio di morti tra le forze dell’ordine. Il Pacì euscì indenne da molti conflitti anche grazie ad uno speciale “giubbotto antiproiettile” artigianale che portava sotto il suo mantello. Amava camuffarsi per sfuggire alla cattura, sia nei lineamenti che nei travestimenti (da contadino vecchio, da prete e persino da donna); parlava ovviamente la lingua bergamasca e quella veneta.
A questo il mito che lo riguardava cominciò a comporsi ed a diffondersi spontaneamente: giustiziare della Valle Brembana, ovunque ci siano ingiustizie e soprusi o c’è da ridistribuire ricchezze ingiustamente accumulate interviene il Pacì che a suon di schioppettate si fa rispettare e sopratutto temere dagli usurai, dai prepotenti e dagli opportunisti … Le sue gesta furono considerate eroiche da quasi tutto il popolo. I pastori, i contadini ed i mercanti che non amavano i gendarmi perchè non capivano né la loro lingua e tantomeno la loro “politica” accolsero il mito del Pacì.

Il vento della ribellione arrivava perfino in città dove non mancavano molti suoi estimatori. Ricorrente uno slogan urlato, recitato o suggerito: “ü Pacì Paciana in ogni paìs”. Per la forte taglia posta dalle autorità sulla sua testa lasciò la valle per  raggiungere i suoi amici contrabbandieri in Svizzera dove però lo raggiunge anche un brigante, probabilmente al soldo della polizia, tale Carcino Carciofo di origini meridionali, che fingendosi amico, lo uccise a tradimento nel comasco con un colpo di fucile nella notte tra il 5 ed il 6 agosto 1806. Gli tagliò la testa che consegnò ai gendarmi. La polizia espose il macabro trofeo per alcuni giorni in Città Alta alla Fara, sotto la ghigliottina. Pacì Paciana aveva trentatrè anni.

http://www.tantiauguri.net/ricerche/rep_bergamasca.htm

http://www.pieroweb.com/eventi/museovalle/duefamosibanditi/immagini.htm

LA BALADA DEL PACIANA

(parole di C. Guariglia; musicata e cantata da Luciano Ravasio)

 

 Cunussì ‘l Pacì Paciana,

gran padrù de la Val Brembana?

        L’éra pròpe ü berechì,

ma però de chi piö fì.

 

Lü l’ robàa di gran palanche,

tat in cà come ‘n di banche,

pò l’fàa sö tace pachècc

de dunàga ai poarècc…

     Saràl fals o saràl vira?

        Fato stà che lü a la sira,

l’éra in giro col trumbù

         de sbaràga ai pelandrù.

  L’è che lü ‘n de la specéra

no l’se mai vardàt in céra:

          ghe parìa d’èss angelì

            piö che làder e assassì.

          Sóta i öcc de la questüra

töcc i dé l’indàa in pianüra,

po’ söi mucc e sö ‘l segràt,

ma però i l’l’à mai ciapàt.

           L’à tremàt öna matina

sö söl put che gh’è a Sedrina,

ma al momènt ch’i è dré a ciapàl,

zó del put, pò sö in de val!     

          Zà i gh’ìa dicc che pò ai vólp vège

s’pöl taiàga vià i orège

ma lü dóls come la mél:

Sé, ma mia de chèsto pél!”.

Ma l’ gh’ìa ‘nsèm con lü ‘l Carcino,

grand amìs però cretino

che, per fórsa o per amùr,

l’à düsìt fà ‘l traditùr.

           Co la fam istrepassada

che l’ gh’ìa adòss, chèla panada

de tresènto marenghì,

se l’ ghe fàa ciapà ol Pacì.

L’éra dóra… E öna matina

che öna lépera assassina

l’ìa piàt ol sò tüdùr,

l’è ‘ndacc fò a ciamà ol dutùr.

   ma però, a la prima ultada,

l’à ciapàt ün’ótra strada,

l’è curìt, chèl limbanù,

zó di guardie a fà o’ spiù.

L’è per chèl che ‘n Val Brembana

gh’è restàt, del póer Paciana,

la memoria, ‘l nòm e ‘l rèst

d’ü brigànt che l’ par onèst.

 

Conoscete il Pacì Paciana

gran padrone della Val Brembana?

Era per davvero un birichino,

ma di quelli sopraffini.

 

Lui rubava fior di quattrini,

nelle case come nelle banche,

poi confezionava pacchi regalo

per farne dono ai poveri.

 

Sarà falso o sarà vero?

Fatto sta che lui di sera

era in giro col trombone

per sparare ai pelandroni.

 

‘E che lui non ha mai guardato che cera avesse nello specchio:

gli sembrava di essere un angioletto

più che un ladro e un assassino.

Sotto lo sguardo della questura,

tutti i giorni andava in pianura,

poi sui monti e sul sagrato,

eppure non l’hanno mai beccato. 

Ha tremato una mattina

sul Ponte di Sedrina,

ma proprio quando stavano per acciuffarlo

giù dal ponte, poi su in valle!

Gli avevano detto che anche alle vecchie volpi

è possibile mozzare le orecchie,

ma lui dolce come il miele:

“Sì, ma non di questo pelo!”.

Ma a fargli compagnia c’era Carcino,

grande amico, ma cretino

che, per forza o per amore,

ha dovuto fare il traditore.

Con la fame stagionata

che aveva in corpo, quella panata (pancotto)

di trecento marenghini,

se faceva in modo di far catturare il Pacì, 

era un affare… E una mattina

che una vipera assassina

aveva morso il suo tutore,

è andato a chiamare il dottore. 

Però alla prima curva,

ha preso un’altra strada,

è corso quel lungagnone,

giù dalle guardie a fare lo spione.

‘E per quello che in Val Brembana

è rimasto del povero Pacchiana,

la memoria, il nome e il resto

di un brigante che pare onesto.